Spinea, il no della giunta alla Festa dei Fiori: «Decisione d'obbligo»

In programma dal 4 all'8 settembre in piazza Fermi con il luna park e la Fiera di Spinea, salta causa Covid e complicazioni legate al virus e agli assembramenti

Spinea, festa dei Fiori. Foto archivio della Pro Loco

La Festa dei Fiori con il tradizionale luna park dal 4 all'8 settembre, e le attrazioni dello spettacolo viaggiante in piazza Fermi a Spinea, non si svolgeranno. Lo ha deciso la giunta comunale giovedì, visti i problemi non ancora risolti relativi al contagio da Coronavirus. Per gli stessi motivi la Pro Loco ha rinunciato alla Fiera di Spinea, abbinata alla Festa dei Fiori: evento desiderato e atteso da tutti, forse anche di più del solito, quest'anno, dopo mesi pesanti e col desiderio di svago, divertimento, in vista di un autunno dai connotati comunque foschi.

Il 16 agosto il ministro della Salute, in aggiunta alle misure contenute nel Dpcm del 7 agosto, ha spento le speranze visto l'inasprimento delle misure di cautela previste per gli spazi pubblici, tra cui le piazze, dove per le caratteristiche fisiche è più facile il formarsi di assembramenti, anche di natura spontanea e occasionale. Anche le linee guida contenute nell'ordinanza della Regione Veneto, nella parte dedicata ai "Parchi tematici e di divertimento", sono impegnative e di difficile attuazione e né l'amministrazione comunale, né la Protezione civile dispongono di risorse professionali ed umane da impiegare nei controlli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le attrazioni che hanno inoltrato la domanda per l'installazione, per il numero e le dimensioni avrebbero determinato una fitta occupazione del suolo e un probabile affollamento e assembramento. Questo senza considerare che l'area di piazza Fermi è già ad alta densità abitativa e comprende numerosi e frequentati esercizi commerciali. «La preoccupante ascesa della curva epidemiologica del Covid-19 di questi ultimi giorni – spiegano infine dalla giunta - impone una rinnovata cautela a salvaguardia della salute pubblica, con particolare attenzione ai giovani fortemente vulnerabili al contagio e ai bambini e ragazzi in età scolare anche, e soprattutto, nell'imminenza della riapertura delle scuole».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento