Post-mortem, inaugurate tre "stanze del saluto" a San Donà di Piave

Le tre strutture sono state poste nei reparti di Medicina, Rianimazione e Pronto Soccorso

L'inaugurazione

Da lunedì all'ospedale di San Donà di Piave sono disponibili tre “Stanze del saluto” poste nei reparti di Medicina, Rianimazione e Pronto Soccorso.

Mission

Si tratta di tre aree “protette” in cui viene collocato il paziente nell’immediato post-mortem avvenuto in ospedale,  precedente al trasferimento della salma all'obitorio. La finalità è offrire ai familiari ed a persone “vicine” al defunto uno spazio riservato e discreto dove stare accanto al congiunto subito dopo la morte. Questa mattina l'inaugurazione e la benedizione delle tre stanze a cura del cappellano ospedaliero Don Eros Pellizzari, il tutto nell'ambito di una cerimonia religiosa a cui hanno partecipato anche il direttore generale dell'Ulss 4 Carlo Bramezza, la dirigenza ospedaliera, il direttore della medicina Massimo Rizzi, personale medico e infermieristico, i volontari dell’AVO e dell'associazione San Vincenzo De Paoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dichiarazioni

«Come Dio non si dimentica dei più deboli la nostra Azienda Sanitaria ha permesso alla Cappellania ospedaliera di creare degli spazi dignitosi per il saluto dei familiari al proprio congiunto» ha esordito Don Eros. All'allestimento delle stanze del saluto hanno collaborato la restauratrice Lorella Carnio e il fotografo Piero Montagner che con sculture e immagini fotografiche, inserite in un contesto di pareti e tendaggi dai colori tenui, hanno reso più accoglienti gli ambienti. Tre crocifissi antichi evocano la spiritualità dei luoghi. «Queste stanze colgono aspetti e necessità sconosciute a chi non lavora in ospedale – ha precisato il direttore generale Carlo Bramezza -  . E’ novità che conferma ancora una volta quanto l’Ulss4 crede e investe nell’umanizzazione delle cure abbracciando, come in questo caso, anche i familiari e le  persone più affezionate al defunto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento