Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli studenti del Luzzatti-Gramsci decorano l'ingresso della scuola con messaggi di speranza | VIDEO

"Be good, get better " è lo slogan scelto dai giovani artisti, seguiti e istruiti dallo street artist Leonardo Marzi, per ribadire l’importanza dell’amicizia, della fiducia e del rispetto verso il prossimo.

 

Be good, get better è il coloratissimo slogan che, dallo scorso 28 gennaio, decora il muro esterno dell’Istituto Luzzatti-Gramsci di Mestre. A scoprirsi giovani artisti e writers sono stati sette studenti di seconda e terza superiore che, nel corso di due giornate, hanno abbellito lo spazio scolastico.

L’iniziativa è nata da un'idea dei ragazzi di Futuro Prossimo – progetto selezionato dall'Impresa Sociale Con i Bambini nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che ha come capofila Save the Children Italia –, intenzionati a migliorare esteticamente il proprio istituto rendendolo, allo stesso tempo, portatore di un messaggio positivo.

L’ambizioso progetto è partito lo scorso anno attraverso il coinvolgimento della dirigente scolastica e dei docenti del Luzzatti all'interno di numerosi laboratori, trovando la piena realizzazione grazie alla collaborazione con la Cooperativa Sociale Itaca, partner territoriale di Futuro Prossimo Marghera.

Con colori e scritte che richiamano l’importanza dell’amicizia, della fiducia e del rispetto verso il prossimo, il murale si distingue chiaramente proprio all’ingresso della scuola, diventando così un messaggio visibile non solo dagli studenti e dai docenti ma anche dall’intera comunità.

«È stata un’esperienza molto bella e costruttiva per noi – racconta uno dei ragazzi protagonisti dell’iniziativa –. Ci siamo divertiti molto e, allo stesso tempo, abbiamo potuto imparare delle tecniche artistiche che non conoscevamo». A seguire gli studenti durante la realizzazione dell’opera è stato infatti lo street artist Leonardo Marzi, che ha potuto insegnare loro la storia e le tecniche della disciplina artistica durante il lungo processo creativo, dall’elaborazione degli schizzi alla scelta dello stile, fino alle prove con le bombolette e, quindi, alla realizzazione finale.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento