Sirene all'unisono in laguna in ricordo di Cecilia

Domenica pomeriggio alle 17.38 come chiesto da Roberto Piva, padre della piccola, le barche hanno suonato il clacson a una settimana dalla scomparsa della 12enne in Bacan

Fiori in laguna domenica in memoria di Cecilia Piva. Foto Diportisti laguna veneta

È stato il padre di Cecilia, Roberto Piva, a chiederlo. Lo ha fatto attraverso il gruppo Diportisti Laguna Veneta, chiedendo a tutte le imbarcazioni di attivare le loro sirene all'unisono, alle 17.38 di domenica, in memoria della figlia 12enne scomparsa in un tremendo incidente nautico alla stessa ora della domenica precedente, in Bacan.

Clacson da tutta la laguna

E così è stato fatto. Il portavoce del gruppo, Mirco Bodi, ne ha rispettato la volontà. «Ho accompagnato il papà di Cecilia alla briccola 9. Il tempo non ha aiutato ma alle 17.38 abbiamo sentito i clacson, le sirene provenienti da tutta la laguna». Molte imbarcazioni non erano in acqua ieri pomeriggio, per via del maltempo che si è abbattuto sul Veneziano, ma tantissime sono state le manifestazioni di affetto sulla pagina Facebook del gruppo. «Ho rilanciato questa sua richiesta - ha fatto sapere Bodi - cercando di coinvolgere tutta la marineria lagunare (Actv, taxi, lancioni oltre che i diportisti). È una iniziativa molto semplice ma ha avuto successo, nonostante le cattive condizioni meteo». I funerali di Cecilia Piva saranno celebrati martedì 9 luglio nella chiesa di Santa Bertilla a Spinea, alle 15.30, come annunciato dal papà, dalla mamma Martina e dal fratello Tommaso.

WhatsApp Image 2019-07-06 at 12.59.02-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Ristoratore arrestato: spacciava droga

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

  • Auto in fosso: morto un 38enne, una donna estratta viva

  • Acqua alta fino a 145 centimetri, bollettino aggiornato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento