menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Superata la soglia di concentrazione di ozono nell'aria: al Bissuola 192 µg/m³

Il limite imposto per legge è di 180 µg/m³. Problemi in esposizione per le persone più anziane o con problemi respiratori, bambini e donne in gravidanza

Superata la soglia di informazione per l'ozono in provincia di Venezia. A comunicarlo è l'Arpav, che nella rilevazione di lunedì ha registrato il superamento del limite di concentrazione imposto per legge in 180 µg/m³. Si tratta del "livello oltre il quale sussiste un rischio per la salute umana in caso di esposizione di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione", come disposto dal decreto legislativo 155/2010. E quindi gli anziani, i bambini, le donne in gravidanza e le persone affette da problemi respiratori. Nella fattispecie, il valore massimo orario è stato registrato alle 14 nella stazione di rilevazione del Parco Bissuola, assestato sui 192 µg/m³.

Attenzione all'esposizione

Tra gli effetti acuti derivanti dall’esposizione all’ozono si ricordano le irritazioni agli occhi, al naso, alla gola e all'apparato respiratorio, un senso di pressione sul torace e la tosse (azione irritante nei confronti delle mucose). I rischi per la salute dipendono dalla concentrazione di ozono presente e dalla durata dell'esposizione. In caso di sforzi fisici l'azione irritante risulta più intensa e le prestazioni fisiche possono diminuire. Le più recenti indagini hanno mostrato inoltre che lo smog estivo ed il forte inquinamento atmosferico possono portare ad una maggiore predisposizione ad allergie delle vie respiratorie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento