Tornano gli spettacoli in città: il programma del teatro "tra la gente" a Mestre e Venezia

Sette appuntamenti all'aperto, si inizia il 15 giugno con "il Pojana" di Andrea Pennacchi. Organizzano il Toniolo e Arteven: «Ripartiamo per primi, un'emozione e una responsabilità»

Torna il teatro, tornano gli spettacoli e ritornano le compagnie e gli attori, tra la gente, affamati com'erano dopo mesi di stop forzato causa Covid. Il teatro Toniolo di Mestre, assieme al settore cultura del Comune di Venezia, fa una "fuga in avanti" e programma sette appuntamenti all'aperto, dal 15 giugno al 6 luglio. La rassegna si chiama "Io sono Teatro... tra la gente" ed è organizzata in collaborazione con Arteven. «Quale miglior modo della cultura per fare uscire di casa i cittadini? - dice l'assessore Paola Mar - Si va in piazza e si torna a casa arricchiti. In questo momento è ancora più importante, perché aiuta la gente a riprendere fiducia, dà la possibilità di stare insieme e offre un'occasione di svago. Non è stato facile organizzare tutto, ma abbiamo voluto "gettare il cuore oltre l'ostacolo" e lanciare un messaggio».

Il programma

Ad aprire il festival sarà la prima nazionale di “Pojana e i suoi fratelli”, di Andrea Pennacchi, il 15 giugno con doppio spettacolo alle 19 e ore 21.30 in piazzetta Malipiero, di fianco al Toniolo. Lunedì 22 giugno l’appuntamento è alle 21 nel cortile di Villa Erizzo con “Romeo e Giulietta”, del Teatro Stabile di Verona, mentre lunedì 29, sempre a Villa Erizzo, ci sarà lo spettacolo “Il mestiere comico” di Pantakin Commedia. Dal 3 al 5 luglio il teatro si sposta a Venezia, nel parco del Teatrino Groggia a Sant’Alvise: venerdì 3 luglio va in scena l’evento speciale “Ancora Groggia. Riapprodare a teatro” di Mattia Berto; sabato 4 luglio è la volta di “Shock a stelle e strisce” di exvUoto Teatro, mentre domenica 5 lo spettacolo è “La stamberga delle scarpe” di Febo Teatro. Lunedì 6 luglio si ritorna a Mestre con la rappresentazione conclusiva “Don Chisciotte” di Stivalaccio Teatro, in piazzetta Malipiero.

Torna il teatro

«Tre mesi di chiusura - commenta l'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini - hanno spento le luci sui  teatri, sulla musica e sulle attività culturali. Oggi abbiamo l'occasione di ripartire e Venezia è la prima a farlo sul panorama nazionale, offrendo produzioni culturali di alto livello da godere all'esterno, nel rispetto delle disposizioni per la prevenzione del contagio. Sarà un'estate diversa, ma non intendiamo lasciare soli i cittadini. Lasciamo i luoghi chiusi e portiamo tutto all'aperto, avremo eventi anche in luglio, agosto e settembre: il cinema diffuso, Marghera Estate. È il momento di ripartire con la socialità e il Comune si prende il compito di offrire questa occasione ai cittadini». «Inoltre - ha concluso - è un modo per dare un impulso al sistema della cultura e dello spettacolo, che è stato travolto economicamente». «Ripartiamo riappropriandoci della nostra città - ha aggiunto la presidente della commissione cultura, Giorgia Pea - riprendendoci quegli spazi vitali che hanno bisogno delle persone, così come degli artisti. L'auspicio è che questa lunga e buia pausa possa da un lato averci reso migliori e dall'altro rafforzato la consapevolezza di quanto sia importante la cultura».

Le regole

Certo, le cose sono cambiate e organizzare un festival di questi tempi è una corsa a ostacoli: «Ci siamo confrontati con norme che cambiano in continuazione - ha fatto notare il direttore di Arteven, Pierluca Donin - La difficoltà più grande è l'obbligo del distanziamento, fortunatamente le nuove regole dicono che non vale per componenti dello stesso nucleo familiare e questo ci aiuterà a recuperare dei posti a sedere. Abbiamo dovuto rendere compatibili le distanze anche sul palco, quindi scegliere produzioni adeguate». «È comunque un momento solenne ed emozionante - conclude -  Vedere ripartire per primo il Toniolo ci riempie di orgoglio».

Le location scelte per le rappresentazioni teatrali sono piazzetta Malipiero, all’esterno del teatro Toniolo, e il cortile interno di Villa Erizzo, sede della bibilioteca Vez, a Mestre; a Venezia, invece, il parco del teatrino Groggia. Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti disponibili. La rassegna si svolgerà nel rispetto delle disposizioni governative in vigore: accesso a numero limitato, uso di mascherina e distanziamento tra i posti a sedere. Saranno presenti postazioni con detergenti e soluzioni disinfettanti e ogni posto a sedere sarà sanificato prima dell’accesso del pubblico alla platea. Il pubblico è invitato ad arrivare almeno mezz'ora prima dell'inizio dello spettacolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

_TEATROGENTEDEF-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Elezioni 2020, a Portogruaro sarà ballottaggio tra Santandrea e Favero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento