Teatro Stabile del Veneto e Cortina: così gli spettacoli arrivano in alta quota

Firmato il protocollo d'intesa tra le due istituzioni per un ampliamento della proposta culturale con una nuova stagione di concerti, teatro e danza

Giampiero Beltotto, Alberto Villanova e Gianpietro Ghedina

«Siamo un cantiere che sta lavorando bene». Sono queste le parole del presidente del Teatro Stabile del Veneto Giampiero Beltotto alla conferenza stampa di presentazione della nuova stagione teatrale di CortinAteatro, un'intesa sancita tra due istituzioni cardine della regione e finalizzata a promuovere la cultura in un comune che, invece, è perlopiù noto dal punto di vista turistico e sportivo.

Proprio questa mattina, infatti, è stato firmato presso la sala stampa della sede della Regione Veneto a Venezia, il protocollo d'intesa tra il comune di Cortina e il Teatro Stabile del Veneto che prende il nome di CortinAteatro. Si tratta del debutto di una stagione teatrale organizzata dalle due istituzioni in collaborazione con l'associazione trevigiana Musincantus. 

Presenti alla conferenza stampa Alberto Villanova, presidente della IV commissione del Consiglio Regionale del Veneto, Gianpietro Ghedina, sindaco di Cortina d’Ampezzo, Giampiero Beltotto, presidente del Teatro Stabile del Veneto, Massimo Ongaro, direttore del Teatro Stabile del Veneto, Edoardo Bottacin, presidente dell’associazione Musincantus. 

CortinAteatro, nella sua stagione 2020, presenta, da febbraio ad aprile, un cartellone di dieci proposte d’eccellenza coinvolgendo artisti di punta della scena nazionale e internazionale. Un progetto rivolto a target diversi, dai residenti al pubblico internazionale, dai cultori ai neofiti, dagli adulti ai bambini, con un’attenzione particolare all’intrattenimento educativo. Obiettivo fondamentale di tutta la programmazione è la creazione di una stagione capace di interagire e integrarsi con l’offerta turistico - culturale della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad aprire la stagione di spettacoli a Cortina, ci sarà l'anteprima di Arlecchino Fuorioso, una produzione del Teatro Stabile del Veneto con la compagnia vicentina Stivalaccio Teatro, che si terrà mercoledì 12 febbraio nello spazio all’aperto La Conchiglia. A inaugurare, invece, il cartellone, domenica 16 febbraio, sarà l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta con l’Omaggio a Morricone. 

L'obiettivo del Teatro Stabile, come ha sostenuto dal suo presidente Beltotto, è quello di creare ulteriori convenzioni con le città di Trieste e Bolzano per la creazione di un "teatro nazionale del Nord-Est".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Schermata 2020-02-06 alle 19.15.48-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento