menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iniziata la demolizione della linea elettrica tra Fusina e Sacca Fisola

L'intervento fa parte del piano di ammodernamento di Terna. Nel frattempo sono entrati in funzione gli elettrodotti interrati

Terna inizia la prima fase di demolizione dell'elettrodotto aereo "Fusina 2 - Sacca Fisola", resa possibile dall'entrata in esercizio delle due linee in cavo interrato tra Sacca Serenella e Cavallino e tra Fusina 2 e Sacca Fisola. Il piano di ammodernamento serve a garantire maggiore efficienza e sicurezza della rete elettrica veneziana ed è previsto da uno specifico accordo di programma con la Regione del Veneto.

I lavori

Le operazioni di smantellamento riguardano conduttori e sostegni per un totale di 6,5 chilometri e 24 sostegni eliminati. Inizialmente saranno svolte in terraferma, lato stazione elettrica Fusina 2. Le demolizioni in laguna, successive all’ottenimento delle relative autorizzazioni da parte delle amministrazioni comunali competenti, avranno invece inizio a maggio e si concretizzeranno nella rimozione dei conduttori e sostegni lato Sacca Fisola, dove si trova la cabina primaria di Enel, e successivamente proseguiranno verso Fusina 2 e avranno il loro apice nella demolizione dei sostegni vicino al canale Malamocco Marghera, due dei quali in particolare sono alti circa 80 metri.

Piano quinquennale

Terna informa inoltre che è in fase di completamento lo smantellamento di un tratto della linea Villabona – Fusina 2 per circa 6,1 chilometri. In particolare l’intervento sta consentendo la demolizione di 24 tralicci che interssano sia il Vallone Moranzani che l’abitato di Malcontenta e l’area del porto Venice Ro – Ro. Tra il 2019 e il 2023 Terna ha previsto in Veneto investimenti per 355 milioni di euro.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento