menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Salus, il breath test identifica la presenza di un germe nella mucosa dello stomaco

Il test del respiro è una procedura non invasiva per individuare l'eventuale presenza dell'Helicobapter Pilory, causa di gastralgie, nausea, vomito e inappetenza

Anche l'ospedale Villa Salus da oggi dispone della strumentazione necessaria a scoprire se si hanno problemi derivati dalla presenza dell’Helicobacter Pylori nello stomaco. Grazie al "breath test" (test del respiro), che viene eseguito nel laboratorio analisi della struttura mestrina, in circa 45 minuti si può avere l’esito. Il tutto affrontando un esame non invasivo. Il germe, che si può trovare nella mucosa dello stomaco, è la causa più comune di ulcera gastrica e duodenale.

I sintomi

"Non si conoscono ancora le cause per le quali alcune persone infette contraggono una patologia, mentre altre, pur essendo infettate, non manifestano alcun sintomo - spiega Marco Caputo, responsabile del laboratorio analisi di Villa Salus - ma il germe si trasmette per contatti interpersonali contaminati da saliva e feci. La patologia derivata da Helicobacter Pylori si sviluppa più frequentemente in persone che hanno familiari già infetti, che vivono in comunità oppure che sono di origine ispanica, asiatica o africana. I sintomi vanno invece dalle gastralgie all’acidità di stomaco, fino a nausea, vomito, inappetenza e alito cattivo".

Test non invasivo

Il test del respiro permette in maniera semplice e non invasiva di ottenere un risultato chiaro sulla presenza o meno dell’Helicobacter Pylori nella mucosa dello stomaco. Altri sistemi sono quelli disponibili con la ricerca del germe nei campioni di feci, nel sangue oppure con la biopsia durante una gastroscopia, il più invasivo tra i vari metodi. "Prima di sottoporsi al test è però basilare seguire alcuni accorgimenti - continua Caputo - Non aver assunto antibiotici nelle ultime tre settimane prima dell’esame, non aver assunto antiacidi, inibitori di pompa protonica e altri farmaci per il trattamento dei disturbi gastrici nella settimana precedente. Quindi non fumare dalla sera prima dell’esame e restare anche a digiuno dopo la cena che precede l’esame. Non è invece necessario seguire una specifica dieta". La cura si segue invece assumendo antibiotici specifici e antiacidi in combinazione (tripla terapia) per almeno un paio di settimane. In alcuni casi l'eradicazione del germe riesce al primo tentativo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Addio arancione? Il Veneto vede la zona gialla dal 31 gennaio

  • Cronaca

    Una nuova rotatoria a Pianiga

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Marchio Igp per il vetro di Murano e il merletto di Burano

  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento