Comune e Ulss 3, da oggi altri 5 mila test sierologici ai dipendenti

Andranno avanti una settimana. Impianti sportivi del Taliercio a Mestre e centro sportivo Reyer di Sant'Alvise a Venezia messi a disposizione

Test sierologico, archivio

Andranno avanti, a partire da oggi fino ai primi giorni della prossima settimana, i test sierologici della campagna del servizio sanitario regionale per gli operatori del Comune di Venezia e della Città metropolitana, con una seconda fase di controlli destinati al personale dei servizi pubblici essenziali e al personale impiegato nelle aziende di trasporto pubblico locale e del servizio di igiene urbana e raccolta rifiuti. Impianti sportivi del Taliercio a Mestre e centro sportivo Reyer di Sant'Alvise a Venezia messi a disposizione per questo. Il test rapido è quello con la goccia di sangue a cui segue, unicamente nel caso di risultato positivo, il tampone e la presa in carico da parte dell'Ulss 3.

Taliercio test sierologici-2

«Siete parte importante della strategia di contrasto al contagio che la Regione ha messo in campo fin dai primi giorni - ha detto il direttore generale Giuseppe Dal Ben agli operatori impegnati al Palasport nell'attività di screening - Gli ospedali hanno fatto e stanno facendo la loro parte, - ha aggiunto - ma anche quanto viene fatto sul territorio è fondamentale. Controllo, prevenzione, indagini vaste: grande è l'utilità di questi interventi, ed è importante che la popolazione veda questa impegno e questo grande lavoro, sostenuto dalle amministrazioni civiche e che lo affianchi con comportamenti attenti e responsabili». 

Nei prossimi giorni saranno quindi testate più di 5 mila persone. Saranno svolti ulteriori controlli anche al centro sportivo Sant'Alvise in centro storico. A sottoporsi all'attività di tracciamento il personale dei servizi pubblici essenziali, delle aziende di trasporto pubblico locale e del servizio di igiene urbana e della raccolta rifiuti. Queste giornate di screening si aggiungono a quelle già svolte in precedenza, due settimane fa, nel territorio metropolitano. Una prima fase che ha visto, nel Comune di Venezia, 1800 persone sottoposte al test rapido: tra queste agenti della polizia locale, volontari della protezione civile e dei servizi di strada. Controlli che hanno fatto emergere solo 9 test positivi, risultati poi negativi al successivo tampone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Nel giro di poco tempo - ha affermato l'assessore alla Coesione sociale Simone Venturini sul posto - contiamo di testare fino a circa 1000 persone al giorno impegnate nei servizi pubblici essenziali. Uno sforzo organizzativo poderoso che, grazie al lavoro dell'Ulss 3, oggi coadiuvata anche dal personale di Fondazione Venezia e Ipav (Istituzioni pubbliche assistenze veneziane), consente di effettuare controlli accurati e rapidi nel rispetto delle prescrizioni e con la capacità di intervenire con i protocolli previsti in caso di riscontro di positività».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento