rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità Jesolo

A Jesolo nasce il primo pulcino al mondo da un uovo artificiale stampato con la tecnologia 3D

Le specie a rischio del Tropicarium Park eviteranno l'estinzione grazie al progetto InGen

«Lo abbiamo sognato, lo abbiamo appoggiato circa un anno fa, ci abbiamo creduto destinando una donazione e mettendogli a disposizione la nostra banca genetica: ora Eva è nata ed è una realtà, si tratta del primo pulcino al mondo nato da uovo artificiale». Esultano la titolare del Tropicarium Park, Monica Montellato, e il direttore scientifico nonché medico veterinario della struttura di Jesolo che offre ricovero e cure a 400 esemplari nati in cattività di circa 100 specie esotiche, Diego Cattarossi, per il successo scientifico ottenuto dai dieci giovani ricercatori del progetto InGen, avviato circa un anno fa nei laboratori dell’istituto Alberto Parolini di Bassano del Grappa, realizzando un uovo artificiale con stampante 3D in grado di ospitare una schiusa.

Eva è un pulcino di gallo domestico (Gallus gallus domesticus) nata il 22 agosto 2021 a Bassano dal progetto visionario di InGen. «L’idea alquanto ambiziosa è stata quella di brevettare una tecnica che permettesse la nascita in laboratorio di animali partendo dal primo giorno di incubazione - spiega Cattarossi -. Il progetto di de-estinzione si pone come obiettivo la salvaguardia di animali a rischio estinzione e da ultimo la ri-nascita in laboratorio di specie già dichiarate estinte partendo da materiale biologico». Con questa nuova prospettiva Tropicarium Park punterà ad offrire una concreta possibilità di sopravvivenza nel loro habitat a specie a forte rischio come l'Axolotl (Ambystoma mexicanum), salamandra messicana praticamente estinta in natura ma ancora visibile nel nostro parco zoologico. Eva è il primo pulcino al mondo nato da uovo artificiale stampato con la tecnologia 3D. Questo progetto è stato realizzato da ragazzi classe 2002.

«In futuro prevediamo di supportare ancora economicamente il progetto e di poter fornire materiale genetico proveniente dalla nostra numerosa esposizione di animali esotici, in modo da collaudare la tecnica anche in specie diverse dal gallo domestico, arrivando a rigenerare anche specie estinte in natura», dice Montellato. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Jesolo nasce il primo pulcino al mondo da un uovo artificiale stampato con la tecnologia 3D

VeneziaToday è in caricamento