Varchi per controllare le targhe a Ceggia e Cinto. Entro settembre altri 5 nel Veneziano

Installati i primi due portali elettronici sulla Strade provinciali 78 e 58. Entro settembre ne verrano attivati due a Scorzè, uno a Noale, Fiesso d'Artico e Vigonovo

È finita in questi giorni l'installazione dei nuovi portali elettronici per il controllo degli ingressi delle auto che transitano nel territorio della provincia di Venezia. I due varchi sono stati collocati sulla SP 78 nel Comune di Cinto Caomaggiore, nelle vicinanze dell’uscita autostradale della A28 a Sesto al Reghena, e sulla SP 58 nel Comune di Ceggia, al confine con la provincia di Treviso, vicino al casello di Cessalto. L’investimento economico a carico della città metropolitana in questa prima fase, che comprende posa e installazione dei varchi, è di 39.040 euro per ciascun portale, per un totale di 273.280 euro.

Altri varchi

I varchi che verranno posizionati entro metà settembre, secondo quanto autorizzato dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica (Cosp), in totale saranno 7 e oltre ai due già installati ne verranno collocati altri 5 nelle strade provinciali che transitano per i comuni di Scorzè (uno sulla SP 39 e un secondo sulla SP84) 2), Noale (SP 38), Fiesso d’Artico (SP 25) e Vigonovo (SP 17).

La loro funzione

La funzione principale dei portali elettronici sarà quella di sorvegliare i flussi veicolari che transitano lungo le maggiori strade di accesso/uscita al territorio metropolitano, in modo da concorrere alla promozione della sicurezza integrata prevista dalla Legge n. 48/2017 e controllare le targhe degli automezzi che entrano verificando se appartengono a veicoli rubati o privi di assicurazione oltre ad informare i cittadini in entrata/uscita al territorio metropolitano promuovendone la conoscenza della Città metropolitana. Non sono, dunque, rilevatori di velocità ma unicamente strumenti destinati a garantire più sicurezza per i cittadini metropolitani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fase di collaudo

«Questa prima fase si concluderà entro il mese di ottobre quando, a varchi installati e operativi dopo un periodo di collaudo, verrà stabilita la connessione con la centrale operativa della questura e della polizia locale di Venezia. - spiega il consigliere delegato metropolitano Saverio Centenaro - La sicurezza dei cittadini metropolitani è una priorità che il sindaco Luigi Brugnaro ha sempre preteso e con questo intervento diamo concretezza alle aspettative dei cittadini metropolitani e forniamo uno strumento aggiuntivo altamente tecnologico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento