menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pressing per la Via del mare verso Jesolo, incontro al ministero per sbloccare il progetto

L'assessore regionale a Roma per riprendere in mano un piano abbandonato nel 2014. Il Pd però punta il dito contro il governatore Zaia: "Da anni chiediamo delucidazioni"

Che vada trovata una soluzione all'eterno problema delle code per Jesolo, sono tutti d'accordo. Per chi cerca di raggiungere le spiagge venete nel fine settimana, l'appuntamento con gli incolonnamenti è immancabile e i disagi pesantissimi. Se ne sta riparlando in questi giorni, con la Regione Veneto tornata all'attacco sull'idea della "via del mare": mercoledì, a Roma, si è svolto un incontro al ministero delle Infrastrutture tra l’assessore regionale Elisa De Berti, e Dimitri Dello Buono, responsabile della segreteria tecnica del ministro Danilo Toninelli, per discutere del progetto di finanza del 2009 per la realizzazione della superstrada a pedaggio fra il casello autostradale della A4 di Meolo e la località di Jesolo.

Obiettivo: riavviare l'iter

Il progetto era stato esaminato dal Cipe nel 2012 e approvato nel 2014, con una delibera che però ha avuto la ricusazione del visto da parte della Corte dei Conti. Nel corso dell’incontro di mercoledì è stato esaminato l’intero iter che ha portato all’approvazione non definitiva del progetto, e l’assessore De Berti ha sollecitato un rapido esame per verificare la possibilità di riavviare il tutto. Ricordata, inoltre, l’importanza della creazione di un adeguato collegamento viario con Jesolo e Cavallino-Treporti. L'apertura dall'altra parte c'è stata: Dello Buono ha garantito l’avvio di un approfondimento della questione con i tecnici del ministero, e si è detto disponibile a individuare con la Regione una soluzione condivisa per uscire dallo stallo.

Il Pd: "Poca chiarezza"

Per l'opposizione, però, la giunta regionale non ha fatto tutto ciò che avrebbe potuto: "Zaia da un lato promette che si farà, dall’altro dimentica di rispondere al Consiglio sulla verifica del project financing avviata tre anni fa. Non può continuare a illudere un territorio, ricordandosi di questa fondamentale infrastruttura alla vigilia della stagione estiva, per poi riporre in un cassetto il progetto sul quale avevamo espresso tutte le nostre riserve perché non rispondente alle esigenze dei comuni attraversati e non risolutivo nel tratto finale". È quanto dichiarano Bruno Pigozzo e Francesca Zottis, consiglieri regionali del Pd. "Albergatori, imprenditori e non solo loro insistono affinché si vada avanti, perché siamo già in ritardo - aggiungono - La messa in sicurezza della strada è prioritaria, ma non sufficiente per risolvere i problemi di traffico. È un progetto di cui si parla da un decennio. Tre anni fa la Regione ha fatto una scelta di revisione dei project financing, incluso questo: a che punto siamo? Se l’iter è stato completato, quali sono le conclusioni? Abbiamo chiesto più volte delucidazioni che non sono mai arrivate". Sul tema è stata annunciata un’interrogazione in modo da avere un quadro completo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento