Ricoveri e attività ambulatoriale: ritorno sicuro alla normalità per Villa Salus

Attuate le direttive dei protocolli per la sanificazione, la diversificazione dei percorsi per i pazienti, e il controllo dello stato di salute del personale sanitario

Villa Salus, foto di archivio

È ripresa la fase ordinaria all'ospedale Villa Salus, un po' alla volta come negli altri ospedali regionali: dal 4 maggio sono ricominciate regolarmente le attività ambulatoriali e di ricovero in condizioni di sicurezza. «La scelta della Regione Veneto di costituire un reparto Covid-19 – ha sottolineato l’Ulss 3 – ha assegnato a questo ospedale un ruolo importante nella contrasto all’epidemia. Questo impegno è stato assolto in pieno coordinamento con l’azienda sanitaria: un’esperienza importante, che mette in grado di gestire con piena efficienza e in piena sicurezza anche l’attività ordinaria, recentemente riavviata». 

La sanificazione

A garanzia degli utenti e degli operatori, secondo un sistema ormai rodato da settimane, al Villa Salus viene eseguita quotidianamente la sanificazione di tutti gli ambienti seguendo protocolli validati dalle più stringenti linee guida internazionali. Già in vista della riapertura alle attività normali – sottolinea la dirigenza sanitaria – è stata ulteriormente intensificata la frequenza delle attività di disinfezione previste, con l’introduzione di un sistema avanzato di sanificazione anche attraverso raggi ultravioletti e ozono». In questa fase è stata organizzata anche la differenziazione dei percorsi per pazienti Covid e non Covid, rigorosamente seguendo le linee guida regionali emanate per definire gli accessi alle strutture sanitarie nella fase due. 

L'organizzazione

Ogni utente viene accolto nella struttura da professionisti sanitari che provvedono a controllare lo stato di salute, l'effettiva necessità di accesso e la presenza di mascherina chirurgica indossata in modo corretto e ne controlla la corretta igenizzazione delle mani indirizzando alle aree di destinazione in maniera che vengano seguiti i percorsi più brevi e corretti. Ogni paziente indirizzato alla struttura per un ricovero ordinario viene sottoposto a tampone e accolto nel reparto di competenza solo in caso di esito negativo del test.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il personale

Grande attenzione è prestata alla gestione delle aree di accesso. «Grazie alla rivisitazione degli ambienti destinati a sala d'aspetto  - conclude la direzione – siamo in grado di garantire nella struttura il rispetto di distanze di sicurezza e delle regole contro l’assembramento. Anche la sanificazione degli ambienti ambulatoriali viene effettuata ad ogni accesso. Il personale è sottoposto a periodico monitoraggio clinico e a indagini laboratoristiche quali tampone e sierologia secondo protocollo regionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Un motociclista morto in un incidente stradale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento