Visite anestesiologiche in videochiamata: il servizio dell'Ulss 4

Tra le motivazioni: evitare all’utenza pediatrica e alle mamme che scelgono il parto indolore ingressi in ospedale e di arrivare direttamente il giorno dell’intervento

Da una parte c'è il medico, dall'altra la persona che dovrà effettuare l'intervento chirurgico con sedazione, oppure la donna che ha espresso la volontà di effettuare un parto “indolore”. In mezzo la tecnologia, o meglio un tablet, che ha reso possibile il tutto.  

Il servizio

Da qualche giorno l’Anestesia e Rianimazione dell'Ulss 4 ha attivato le visite anestesiologiche a distanza con pazienti tecnologicamente più evoluti ma già attualmente in numero diffuso con riscontri positivi sin dalle prime visite da remoto. Questo il funzionamento: il personale dell’anestesia propone per telefono  la visita in videochiamata e, se il paziente accetta, vengono subito fissate data e ora. Il giorno prestabilito il medico effettua la videochiamata mediante tablet aziendale e, come del resto avviene per le visite anestesiologiche in presenza, il paziente viene intervistato riguardo la propria storia clinica, le allergie, i problemi di salute; gli viene spiegata la tecnica anestesiologica e, salvo altri accertamenti, la visita è conclusa. In tal caso il paziente dovrà “solo” firmare il consenso alla procedura anestesiologica quando giungerà in ospedale per effettuare l'intervento (o il parto).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perchè

«Il tutto si può quindi effettuare benissimo a distanza e con grossi vantaggi – osserva il direttore dell’Anestesia e Rianimazione, Fabio Toffoletto – innanzitutto evitiamo all’utenza pediatrica e alle mamme che scelgono il parto indolore di evitare ingressi in ospedale e di arrivare direttamente  il giorno dell’intervento. Per gli altri pazienti che devono invece sostenere procedure ambulatoriali o piccoli interventi è possibile evidenziare a distanza eventuali problemi, mentre chi deve sostenere un intervento più complesso questa diventa una pre-visita che accorcerà i tempi della visita vera e propria. Altro aspetto da considerare è infine la flessibilità di questa modalità da remoto:  può essere effettuata in qualsiasi momento della giornata e non necessariamente dall'ospedale per quanto riguarda il personale medico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento