Hotel e cene gratis in spiaggia: così il territorio ringrazia gli angeli del Covid

L'iniziativa Federalberghi e Confcommercio Caorle rivolta a medici, infermieri, operatori socio sanitari, forze dell'ordine e volontari della protezione civile che sono stati a fianco dei malati. I primi arrivi

Primi operatori sanitari arrivati a Caorle

Federalberghi e Confcommercio Caorle, con il supporto dello staff del portale www.caorle.it, hanno messo a disposizione oltre 500 tra buoni vacanza e buoni per cene in ristoranti del posto a medici, infermieri, operatori socio sanitari, forze dell'ordine e volontari della protezione civile che hanno prestato la propria opera per aiutare i malati da Covid 19. Un modo per ringraziarli.

Primi arrivi

Un infermiere del reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Camposampiero (Padova) e un'infermiera dell'ospedale di Pordenone sono i primi ad averne usufruito. I buoni vacanza danno diritto a un soggiorno per 2 persone gratuito in un albergo (per tre notti) o in un appartamento (per sette notti). I ristoratori aderenti hanno invece offerto un “ticket” per una cena gratuita per due. Visto l'elevato numero di richieste (circa 1300 quelle raccolte entro la data di chiusura dell'iniziativa), lo staff di Caorle.it ha predisposto una graduatoria che ha privilegiato le domande presentate dagli operatori sanitari impiegati nei reparti Covid. Ed in effetti i primi “angeli” ad aver raggiunto Caorle sono proprio due infermieri che hanno assistito in prima persona i malati di coronavirus.

Hotel, cena e divertimento

La prima struttura ricettiva ad aver ospitato un “angelo” è stato l'hotel Crystal gestito dal presidente di Federalberghi Caorle, Loris Brugnerotto. «Un vero piacere per noi accogliere i primi angeli nella nostra bella località – ha detto Brugnerotto – Questi voucher sono un segno tangibile dell'affetto e della riconoscenza a chi si è speso in prima persona per aiutare». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima cena gratuita per gli angeli è stata invece consumata nel ristorante pizzeria “Ae Do Rode”, storico locale di Viale Santa Margherita. «Siamo pienamente soddisfatti per il successo di questa iniziativa – ha aggiunto Corrado Sandrin, presidente di Confcommercio Caorle – La presenza dei primi angeli a Caorle è un segnale di buon auspicio per il prosieguo della stagione. Il giusto ringraziamento per l'impegno e la dedizione rivolta verso la comunità». Chi non è riuscito ad ottenere il “voucher”, ha comunque ricevuto, da parte delle attività aderenti all'iniziativa, proposte di soggiorno a prezzi fortemente scontati: e già si sono registrate diverse prenotazioni. Ingressi gratuiti anche al parco acquatico di Caorle Aquafollie: 1250 per gli operatori che si sono spesi nella lotta al Covid 19.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento