Zona pineta Jesolo: contestati i ritardi dell'opera di ripascimento

Richiesta di risarcimento danni per le conseguenze sulle strutture alberghiere della zona a causa dei ritardi

Federconsorzi alza l'attenzione sullo sconcerto da parte degli imprenditori della zona pineta di Jesolo sui ritardi nel completamento dell'opera di ripascimento ancora a cantiere aperto. 

«A questo punto non mi interessa di chi siano le competenze: qualcuno se ne assumerà la responsabilità - sottolinea  Renato Cattai, presidente della realtà che raggruppa i gestori degli stabilimenti e dei consorzi di Jesolo -. Ho già dato il mandato ai legali per procedere e chiedere eventuali risarcimenti danni. Eravamo già stati duramente colpiti dalla mareggiata di novembre per la quale, oltretutto, non abbiamo ricevuto ancora alcuna informazione circa gli aiuti che erano stati annunciati, a fronte di danni per migliaia di euro, ed ora dobbiamo subire anche i forti ritardi nell’opera di ripascimento».

Cattai non riesce a spiegarsi come mai gli interventi non siano stati eseguiti, nonostante l’opera rientrasse tra quelle in deroga rispetto al Dpcm. «È vero che molte attività erano state interrotte per il lockdown imposto dal governo per l’emergenza sanitaria - commenta Cattai - però quella del ripascimento rientrava tra le opere di ingegneria pubblica, per cui non valeva il fermo».

Anche il ponte del 2 giugno non ha aiutato. «Gli stabilimenti sono stati tenuti chiusi, la zona è stata transennata, con la contraddizione dei chioschi in spiaggia aperti, ma nessuno controllava, per cui avevi gente che scavalcava e andava a stendersi, persino sopra le dune quando, invece, si poteva continuare a lavorare anche lunedì. Siamo un mese di ritardo e, con questi ritmi, conto che non potremo aprire prima del 20, 25 giugno».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gravi conseguenze per le attività

Le attività alberghiere in tutta la pineta sono costrette a restare chiuse e dirigere i propri potenziali clienti dai colleghi della zona più centrale perché non è possibile avere a disposizione la spiaggia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento