Dieta vegetariana: pro e contro di questo tipo di alimentazione

Tutte le caratteristiche di questa tipologia di regime alimentare e le mancanze che può portare a livello di assunzione di macronutrienti e vitamine

Seguire una dieta vegetariana è partita come una moda e diventata uno stile di vita molto diffuso tra la popolazione mondiale. Diventare vegetariani può essere per certi versi salutare ma bisogna mantenere alta l'attenzione su possibili carenze di nutrienti di cui potrebbe risentire il proprio corpo, specialmente nell'età della crescita o durante una gravidanza. Quali possono essere, quindi, i rischi per la salute dell'adottare una dieta vegetariana dal punto di vista del fabbisogno nutritivo? Scopriamolo insieme.

Cosa c'è in una dieta vegetariana

Il regime alimentare vegetariano è salutare da diversi punti di vista. Da un lato, con l'eliminazione della carne e specialmente della carne rossa e insaccati si eliminano dalla propria dieta i grassi saturi che hanno proprietà negative per la salute del corpo e dall'altro l'assunzione di un gran numero di fibre, presenti nelle verdure, permette di avere un'ottimo equilibrio intestinale. Queste due componenti, messe insieme, sono fondamentali per la prevenzione delle malattie cardiovascolari, per ridurre il rischio di ipertensione, ictus, infarto e alcuni tipi di tumori, nonché il sovrappeso. Oltre alle fibre, il buono di una dieta vegetariana è il buon apporto di minerali, contenuti nei legumi, e le vitamine con effetto antiossidante come la C, la A e la E.

Cosa manca in una dieta vegetariana

Togliendo dal proprio piano alimentare gli alimenti di origine animale vuol dire eliminare l'apporto di ferro, zinco, omega-3 e la vitamina B-12 con la conseguenza di un deficit nelle funzioni a livello nervoso. Tra le altre carenze della dieta vegetariana ci sono quelle di vitamina D e calcio, soprattutto nelle diete vegane, e questo va a ripercuotersi in modo negativo sulla densità ossea con gravi danni soprattutto nei bambini e negli adolescenti nonché delle donne in gravidanza. 

Dieta vegetariana sì o no?

Optare per un regime alimentare esclusivamente vegetariano potrebbe causare un apporto insufficiente di nutrienti. Un buon equilibrio nella dieta, infatti, sarebbe la soluzione migliore ma se proprio non si vuole rinunciare a questo stile di vita, meglio inserire una buona dose di legumi per mantenere alto l'apporto proteico e cereali integrali per il ferro, da assumere entrambi, almeno due volte a settimana. Per mantenere l'apporto di vitamina B-12 è bene non eliminare dalla propria dieta formaggi e uova. Il consiglio più adeguato, ad ogni modo, è sempre quello si farsi seguire da un buon nutrizionista per evitare di fare troppi danni al proprio organismo credendo, invece, di fare del bene. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento