Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Il terzo lunedì di gennaio cade il cosiddetto Blue Monday, il giorno in cui i picchi di malumore e insoddisfazione nelle persone raggiungono i massimi livelli

Cade ogni terzo lunedì di gennaio il cosiddetto "blue monday", ovvero il giorno più triste dell'anno ("blue" in inglese, infatti, sta per "tristezza"). Di cosa si tratta? Del giorno in cui si attestano maggiori livelli di depressione nelle persone. Non è infatti un caso che cade di lunedì, il giorno in cui si torna a lavorare dopo il weekend, e in più, è un momento dell'anno in cui si è lontani da qualsiasi tipo di festività o vacanza. Il buonumore dato dalle feste natalizie, infatti, è ormai solo un lontano ricordo, così come è un miraggio lontano l'inizio della primavera o l'estate, periodi che, psicologicamente, vengono associati a sole, mare, vacanze e spensieratezza. Ma scopriamo più nel dettaglio quando e come è nato questo recente "trand". 

Le origini del Blue Monday 

La definizione di "blue monday" nasce nel 2005 in Gran Bretagna ed è da attribuire al divulgatore e psicologo dell'Università di Cardiff, Cliff Arnall. Lo stesso, infatti, ha pubblicato sulla rivista The Guardian un articolo nel quale individuava la formula esatta per analizzare le tendenze dei clienti delle agenzie di viaggio nella prenotazione di viaggi. Arnall prendeva in considerazione nella sua disequazione diversi fattori come, ad esempio, la distanza dal Natale, il fallimento dei buoni propositi che si stipulano con l'inizio del nuovo anno, il riuscire o sapere come fronteggiare le spese imminenti, la motivazione ad agire e anche le condizioni meteorologiche. Con questa analisi, lo psicologo si è reso conto che ciò che spinge una persona a prenotare un viaggio o una vacanza è una condizione di profondo malumore, che nel terzo lunedì di gennaio raggiunge il massimo livello. 

Oggi, più che una triste considerazione che ci troviamo nel punto morto dell'anno dal punto di vista psicologico, il blue monday rappresenta quasi una moda di cui gli esperti di marketing fanno uso con campagne mirate. La sua scientificità, infatti, a oggi è stata smentita e la stessa Università di Cardiff ha preso le distanze da tale affermazione. 

Come combatterlo

Cosa fare, allora, per combattere la tristezza del lunedì più triste dell'anno? Che si scelga di crederci o meno, i consigli sono sempre utili per portare un po' più su il buonumore in un comune lunedì di gennaio. Così, si può organizzare un viaggio o una gita fuori porta, dedicare del tempo a una passione, cercare di trascorrere del tempo con un gruppo di amici o in compagnia della propria famiglia, si può praticare il proprio sport preferito ma, soprattutto, non bisogna lasciarsi prendere dallo sconforto di non aver ancora raggiunto gli obiettivi prefissi a fine anno, dopotutto, c'è a disposizione ancora un anno intero per farlo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento