Power Nap: il segreto per più energia e concentrazione a lavoro

Dagli Stati Uniti arriva il pisolino sul posto di lavoro per ricaricarsi e incrementare la produttività

Power Nap: il segreto per più energia e concentrazione a lavoro

Dormire fa bene non solo ai muscoli ma anche al cervello che ha bisogno di riposo per ricaricarsi ed essere produttivo. In una società che cerca di puntare tutto sul benessere della persona e sulla produttività sul luogo di lavoro dedicare del tempo al riposo diventa necessario. Proprio per questo motivo è nata negli Stati Uniti la pratica del cosiddetto "power nap", letteralmente il "pisolino che dà la carica". Soprattutto per chi fa i cosiddetti "lavori mentali" avere un modo per ricaricare le energie è fondamentale per evitare errori ed eccessivo stress per il cervello. Come fare? Prendendosi una pausa per fare un pisolino. Molte aziende, infatti, si stanno muovendo a riguardo creando spazi in cui i loro dipendenti possano riposarsi e fare il loro power nap. Ma scopriamo tutti i vantaggi di questa pratica.

Power nap: di cosa si tratta?

Il power nap è un pisolino ristoratore, che va da 10 a un massimo di 30 minuti e che aiuta a risolvere i cali di energia e di concentrazione, nonché la diminuzione di produttività e di motivazione. La durata è molto importante: infatti, se superi i 30 minuti rischi di entrare a gamba tesa nella terza fase del sonno, il sonno profondo e senza sogni, per cui al risveglio l’effetto zombie è assicurato. Il power nap, quindi, non è un vero e proprio dormire, ma più un momento rilassante per lasciarsi andare e ricaricare le batterie.

Perché è utile?

In concreto il power nap ti aiuta perché:

  • aiuta il cervello a lavorare meglio, migliorando la capacità di risolvere i problemi e la produttività;
  • migliora la concentrazione e l’attenzione;
  • migliora la memoria, perfetto per chi studia;
  • migliora l’umore, diminuisce sensibilmente le sensazioni di stanchezza e fatica e riduce i livelli di stress, aiutando quindi anche il cuore, la pressione arteriosa e la gestione del peso.

Dagli Stati Uniti all'Europa

Questa pratica applicata all’ambito lavorativo è nata e si è sviluppata negli Stati Uniti: oggi, a New York, svariati alberghi affittano poltrone per permettere ai lavoratori di riposare prima di tornare al lavoro e anche moltissime aziende, Google prima fra tutte, offrono la possibilità di dormire a lavoro. Il power nap è sbarcato ormai da tempo anche in Europa: in Svizzera e in Gran Bretagna, infatti, alcune aziende mettono a disposizione sul posto di lavoro delle aree adibite al sonnellino dei dipendenti, chiamate sleeping pods.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento