Influenza nel Veneto Orientale: più vaccini, meno ammalati

All'Ulss 4 la copertura vaccinale è ai vertici regionali. I medici:«Il vaccino è l'unico modo sicuro per proteggersi dal virus»

Sempre più vaccini e sempre meno ammalati per l'influenza stagionale nel Veneto Orientale che quest'anno si manifesta con diffuse infezioni gastrointestinali. Sono questi i dati ad oggi, presentati dal direttore generale dell'Ulss 4 Carlo Bramezza, che mostrano un quadro epidemiologico positivo sulla diffusione del virus nella zona orientale della regione che ha limitato gli accessi al pronto soccorso e i ricoveri per l'influenza. 

La prevenzione è iniziata con la distribuzione di 48 mila vaccini ai medici di famiglia e ai servizi di somministrazione dell’Ulss4, 6000 in più rispetto al quantitativo acquistato l'anno scorso con un totale di 33.353 persone vaccinate a inizio gennaio e la previsione di raggiungere una copertura vaccinale del 69% per gli over 65.

«I primi casi di influenza si sono registrati a novembre» - spiega il dottor Luigi Nicolardi - «a inizio anno abbiamo registrato il primo aumento significativo ma il picco lo avremo tra una ventina di giorni». I benefici della copertura vaccinale iniziano, ad ogni modo, a vedersi con la riduzione del numero dei contagiati e dei casi gravi che, quest'anno non si sono ancora presentati. 

Per far fronte alla diffusione del virus è stata predisposta, in ogni caso, un’efficiente rete di assistenza territoriale. Come spiegato dal direttore dei servizi socio sanitari dell'Ulss 4, Mauro Filippi,  da ottobre a dicembre 2019 circa l’80% dei medici di famiglia sono stati aggregati in forma associativa (medicina di gruppo) quindi l’utenza può usufruire di un orario ambulatoriale ampliato per le cure del caso o per l’immunizzazione. È stata, inoltre, implementata l'assistenza domiciliare con 8 nuovi infermieri per le persone non autosufficienti, i quali si aggiungono ai 45 già operanti. È stato potenziato il servizio di cure palliative e all'occorrenza sono a disposizione 30 posti letto nelle case di riposo per tutte quelle persone fragili che vengono dimesse dall'ospedale ma hanno ancora bisogno di un’assistenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento