Depressione Post Partum o Baby Blues? I sintomi e come riconoscere queste patologie

I sintomi, le differenze e come affrontare queste due tipologie di depressione a cui le neo-mamme possono incorrere da un mese a un anno dopo aver partorito

Mettere al mondo un bambino non è un processo semplice, soprattutto per la prima volta. Non solo il corpo di una donna, ma anche la sua mente sono sottoposti a sbalzi ormonali e cambiamenti drastici a tal punto che in alcuni casi possono provocare dei turbamenti psicologici per le neomamme che possono scoppiare in una vera e propria depressione post partum. Questo tipo di depressione univoca può colpire queste donne in un periodo di insorgenza che va dal primo mese dopo aver partorito e può presentarsi anche a partire da un anno successivo alla nascita del bambino. Riconoscere la depressione post partum non è semplice perché potrebbe essere scambiata per una normale depressione oppure per un altra patologia della psiche a cui le neomamme possono incorrere, ovvero il baby blues. Ma quali sono le differenze tra questi due tipi di sofferenza post parto e quali sono i sintomi e i rimedi più efficaci per poter tornare a vivere con serenità la maternità? Scopriamolo insieme in questo approfondimento.

Depressione Post Partum: cos'è e quali sono i sintomi

La depressione post partum è una tipologia di depressione unipolare che può presentare diversi sintomi che dal primo mese o dal primo anno di nascita del bambino possono insinuarsi e durare a lungo se non curati in tempo, nonché causare un periodo di insofferenza per la mamma e il bambino stesso.

Tra i sintomi principali della depressione post partum troviamo:

  • Tristezza e sconforto prolungati che non hanno cause specifiche o giustificazioni 
  • Mancanza di forza e mancanza di vogli di accudire il bambino
  • Scarsa voglia di svolgere qualsiasi tipo di attività che prima portava piacere
  • Umore altalenante e pianti improvvisi
  • Desiderio di stare da soli da familiari, amici e dal proprio bambino
  • Variazioni nell'appetito
  • Frustazione
  • Irritabilità
  • Ansia
  • Pensieri negativi
  • Calo del desiderio sessuale

Nelle forme più gravi si possono avere:

  • Allucinazioni
  • Disorientamento
  • Paranoia
  • Comportamenti rischiosi per la vita del bambino

Se ci si dovesse accorgere di avere uno o più di questi sintomi la cosa più importante da fare è contattare un professionista e, in caso di necessità, passare un momento di separazione dal proprio bambino finché non si saranno risolti i propri problemi e non sarà in alcun modo messa a rischio la sua vita.

Baby Blues: la temporanea tristezza dell'essere neo-mamme

Il Baby Blues è un periodo molto comune tra le neo-mamme in cui si attraversano momenti di leggera tristezza e senso di solitudine che però sono passeggeri e giustificati dagli sbalzi ormonali della gravidanza e dai cambi drastici delle abitudini della propria vita quotidiana e sociale. 

Ecco i sintomi del Baby Blues: 

  • Umore altalenante e instabile
  • Pianto improvviso
  • Nervosismo
  • Ansia
  • Disturbi del sonno
  • Fatica nel concentrarsi sulle cose

La differenza principale tra questi sintomi e quelli riconducibili alla depressione post partum è che i primi durano all'incirca dall'una alle 2 settimane e migliorano senza la necessità di ricorrere all'aiuto di un professionista o di medicinali. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione e scuole chiuse (in parte): cosa ci si aspetta in Veneto dall'8 marzo

  • Veneto in zona arancione: cosa si può fare e cosa no, tutte le regole da seguire

  • Zaia: «Da venerdì c'è il rischio per il Veneto di passare in zona arancione»

  • Perché il Veneto rischia di passare in zona arancione l'8 marzo

  • Visite a parenti e amici: le nuove regole per il Veneto in area arancione

  • L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento