Favola Veneziana

Favola Veneziana

Cantòni de Venessia

Pensàvo de Venèssia, conóser ògni cantón
ma giro na cale, e me invàde na emosión

me trovo davànti un dólse imprevìsto ,
un póso, na scala, un lògo mai visto

par cuàxi che'l témpo se gàbia fermà
fisà su na téla, de sècoli fa ...

na corte in matóni, e al cèntro par tèra
se mostra in belésa, na splèndida véra ...

un profùmo d'antico me inèbria el respìro ...
intorno, un incànto, me ruba un sospìro

xe tuto silensio e l'aria xe férma
sìgola sòlo, na vècia lantèrna ... 

par cuàxi la vògia, insistènte parlàrme,  
nel tèmpo indrìo la volése portàrme, 

de quando in che'l posto, oramài 'smentegà
ghe gera la vita, calche sècolo fa ...

sèro i òci un moménto, e me làso portàr 
drénto a quèla Venèssia, che sento de amàr 

me vien un gròpo in góla, xe mèjo che vada ...
ma vado felìse, de avèrla trovàda ...

co l'ànema serena, che bèla sensasìon 
de avér scopèrto ancóra, un so pìcolo cantón!

Venèssia xe un intrìgo, de magìa e mistero 
la porto nel me cuòr, vestia in bianco e nero!

Cristina Marson

cantone-3

Favola Veneziana

" Cercherò di condurvi nella ""Favola Veneziana"", attraverso le mie foto, le mie poesie, i miei brevi racconti. Venezia la si vede prima con il cuore, poi la senti con l'anima, poi con gli occhi. Venezia entra dentro di te, la respiri, perchP è viva. Lasciatevi catturare dal suo impalpabile manto nebbioso, siate pure la sua preda, fatevi imprigionare dal suo mistero. Imparate ad ascoltare la sua anima, respirare i suoi antichi odori, i suoi deboli suoni. Per assaporare la sua vera anima dovete perdervi tra le sue umide calli, sbucare in posti e luoghi dal sapore antico, corti dimenticate dal tempo, là, dove l'aria è ferma, il silenzio è ovattato, le pietre secolari, i pozzi, le facciate ornate da marmi incantevoli raccontano di sé... Ora datemi la per mano, vi condurrò nei posti più nascosti, perchè la vera Venezia, il suo cuore, avvolto dal silenzio, ci aspetta... ""Dai, portìme via co ti, fàme revìver i sècoli pàsai / fàme respiràr l'odor, de chi tempi desmentegài / làsite vàrdar, dàme zoìa pàr un momènto / càvite sto manto grigio, e fa alzàr el vento..."" "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento