Favola Veneziana

Favola Veneziana

El spazìn

Avóro par l'amór, de la cità mia
la tegno sempre in ordine, qualsìasi tempo sia...

Queo che faso mi, xe nòbie e importante
so el primo de matìna, a vederla afascìnante

la xe cusì bèla, nall'aria umida e silensiosa
avòlta dal calìgo, la par na perla preziosa

par le strade vode, senza xente che passa
la sento solo mia, la so ànema me trapàsa

come na sióra, che se desmìsia a la matìna
co l'aria insonàda, soto la covertina ...

la se mostra a mi, un poco a la volta 
alóra mi ghe parlo ... e éla me scolta 

Desmìsiate pian, pìcola dolcèsa mia 
farò in modo ancóra, che i to i oci brìa

te càvo da indòso, tute ste imonde scoàse
che ti no ti meriti, sióra mia de clàse

lo so che i te trata, sensa dignità
ormai de ti, tuto i ga sfrutà

so el primo de matìna, a ciapàrte par man
lo farò sempre ancuò, e anca domàn

no state preocupàr, te farò beìssima
te farò risplénder, nostra "Serenissima"!

spazzino-3

Foto di Fabio Sguazzin

Favola Veneziana

" Cercherò di condurvi nella ""Favola Veneziana"", attraverso le mie foto, le mie poesie, i miei brevi racconti. Venezia la si vede prima con il cuore, poi la senti con l'anima, poi con gli occhi. Venezia entra dentro di te, la respiri, perchP è viva. Lasciatevi catturare dal suo impalpabile manto nebbioso, siate pure la sua preda, fatevi imprigionare dal suo mistero. Imparate ad ascoltare la sua anima, respirare i suoi antichi odori, i suoi deboli suoni. Per assaporare la sua vera anima dovete perdervi tra le sue umide calli, sbucare in posti e luoghi dal sapore antico, corti dimenticate dal tempo, là, dove l'aria è ferma, il silenzio è ovattato, le pietre secolari, i pozzi, le facciate ornate da marmi incantevoli raccontano di sé... Ora datemi la per mano, vi condurrò nei posti più nascosti, perchè la vera Venezia, il suo cuore, avvolto dal silenzio, ci aspetta... ""Dai, portìme via co ti, fàme revìver i sècoli pàsai / fàme respiràr l'odor, de chi tempi desmentegài / làsite vàrdar, dàme zoìa pàr un momènto / càvite sto manto grigio, e fa alzàr el vento..."" "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di federico
    federico

    Bellissima poesia che rivaluta la figura talvolta trascurata, di qaunti lavorano per mantenere decorosa la nostra città spesso trafitta dai numerosi turisti che la frequentano. Complimenti per la descrizione e per la forma poetica.

Torna su
VeneziaToday è in caricamento