Favola Veneziana

Favola Veneziana

El pónte dei zogàtoli

No ghe xe venessiàn, che no pòsa ricordàr
un pónte che da pìcoli, ne ga fato sognàr...

che a man de nostra mama, co pasàvimo de là
se incolàvimo in vetrìna, co'l barbùso incantà...

"El pónte dei zogàtoli ", ma quanto el gera bèlo...
co tuti sti balòchi, che impenìva el campièlo

de istà e de invèrno, sempre i gera fòra
de pasàr a sognàr, no vedévimo l'ora

cavàli a dòndolo, piàvole e caroséle
i fazéva gioìr, el cuòr de le putèle

a Nadàl le vetrìne, gera vestìe a fèsta
tra luxi e colóri, che ne ciapàva la tèsta

tra un mama vojo questo, un mama vojo quelo
ghe impenìvimo de caprìci, el pòvaro servèlo

e quando "no go schèi", par fòrsa le dixéva
"tìo porta Bàbo Nadal", cusì e ne prometéva...

Co rivàva Febràio, e scominsiàva el Carnevàl
se sognavimo de éser eroi, de combàter el mal

pistòle, archi, frése, màscare par putèli,
vèsti da dama, da cow boy, parùche e capèli...

Che'l pónte là, oramài nisùni lo scorda
témpi lontàni, che xogàvimo a la corda

" Pónte dei zogatoi" sto nòme volèmo dàrghe
ma de scrìverlo, pròprio no i vól pensàrghe

sarìa un gran onór, par la nostra memòria
parché sto pónte, xe entrà ne la stòria

dèso in sto lògo, xe pién de scarabòci
xe pròprio na vergògna, par i nostri òci!

Ogni volta che pasèmo, se ne strénze el cuòr
a védarlo tratà, sènsa un fià de amór...

ma là da l'alto, desóra na finestra,
un pàpero in Lego, ancóra bèlo in mostra

el sta a recòrdo, speràndo che no i lo cava...
de na Venèssia sana, che tanto i putèli amàva

Cristina Marson

Schermata 2015-12-21 alle 13.20.45-2

Favola Veneziana

" Cercherò di condurvi nella ""Favola Veneziana"", attraverso le mie foto, le mie poesie, i miei brevi racconti. Venezia la si vede prima con il cuore, poi la senti con l'anima, poi con gli occhi. Venezia entra dentro di te, la respiri, perchP è viva. Lasciatevi catturare dal suo impalpabile manto nebbioso, siate pure la sua preda, fatevi imprigionare dal suo mistero. Imparate ad ascoltare la sua anima, respirare i suoi antichi odori, i suoi deboli suoni. Per assaporare la sua vera anima dovete perdervi tra le sue umide calli, sbucare in posti e luoghi dal sapore antico, corti dimenticate dal tempo, là, dove l'aria è ferma, il silenzio è ovattato, le pietre secolari, i pozzi, le facciate ornate da marmi incantevoli raccontano di sé... Ora datemi la per mano, vi condurrò nei posti più nascosti, perchè la vera Venezia, il suo cuore, avvolto dal silenzio, ci aspetta... ""Dai, portìme via co ti, fàme revìver i sècoli pàsai / fàme respiràr l'odor, de chi tempi desmentegài / làsite vàrdar, dàme zoìa pàr un momènto / càvite sto manto grigio, e fa alzàr el vento..."" "

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Avatar anonimo di Regrom53
    Regrom53

    Bela sta poezia...brava

  • Avatar anonimo di Cristina Marson
    Cristina Marson

    Ciao cugina ! Grazie ! Questo scatto ci ha immortalate in un eterno ricordo, davanti alla vetrina dei nostri sogni ...Le tre cuginette :-)

  • Avatar anonimo di elisa
    elisa

    Mi ricordo bene la testata in fronte che ho preso sulla vetrina. Per chi non lo sapesse, in questa foto ci siamo noi. Cristina al centro, sua sorella a sinistra e io a destra...la poesia è stupenda  penso che a tutti sia venuto l'occhio lucido leggendola.

  • Avatar anonimo di V
    V

    Beissima :')

Torna su
VeneziaToday è in caricamento