ViviVenezia

Opinioni

ViviVenezia

A cura di Gianluca Anoè

"Autunno veneziano": Venezia nel ritratto noir dello scrittore Vincenzo Cardarelli

Thomas Moran - Entrance to the Grand Canal, Venezia

Per accogliere l'autunno, proponiamo la poesia "Autunno veneziano" di Vincenzo Cardarelli. Un omaggio alla stagione che comincia, un ritratto noir della città veneziana che prende forma nelle parole dello scrittore e giornalista.

Autunno Veneziano

L'alito freddo e umido m'assale
di Venezia autunnale.
Adesso che l'estate,
sudaticcia e sciroccosa,
d'incanto se n'è andata,
una rigida luna settembrina
risplende, piena di funesti presagi,
sulla città d'acque e di pietre
che rivela il suo volto di medusa
contagiosa e malefica.
Morto è il silenzio dei canali fetidi,
sotto la luna acquosa,
in ciascuno dei quali
par che dorma il cadavere d'Ofelia:
tombe sparse di fiori
marci e d'altre immondizie vegetali,
dove passa sciacquando
il fantasma del gondoliere.
O notti veneziane,
senza canto di galli,
senza voci di fontane,
tetre notti lagunari
cui nessun tenero bisbiglio anima,
case torve, gelose,
a picco sui canali,
dormenti senza respiro,
io v'ho sul cuore adesso più che mai.
Qui non i venti impetuosi e funebri
del settembre montanino,
non odor di vendemmia, non lavacri
di piogge lacrimose,
non fragore di foglie che cadono.
Un ciuffo d'erba che ingiallisce e muore
su un davanzale
è tutto l'autunno veneziano.

Così a Venezia le stagioni delirano.

Pei suoi campi di marmo e i suoi canali
non son che luci smarrite,
luci che sognano la buona terra
odorosa e fruttifera.
Solo il naufragio invernale conviene
a questa città che non vive,
che non fiorisce,
se non quale una nave in fondo al mare.

Si parla di

"Autunno veneziano": Venezia nel ritratto noir dello scrittore Vincenzo Cardarelli

VeneziaToday è in caricamento