ViviVenezia

ViviVenezia

Casino degli Spiriti, il palazzo veneziano infestato dai fantasmi

Foto di Hervé Delesalle

Fantasmi o solo dicerie? Qual è il sottile confine che demarca la storia e la leggenda? Oggi vogliamo parlarvi di uno degli edifici storici di Venezia, Palazzo Contarini dal Zaffo, residenza di gran pregio, situata lungo le fondamenta Gasparo Contarini a Cannaregio. Si tratta di un edificio che più per la sua tradizione, tuttavia, è noto per essere chiamato il Casino degli Spiriti, un nome che dice già tutto su quella che è la leggenda attorno a questa dimora.

Vuole la tradizione che il palazzo sia il luogo di ritrovo ideale per gli spiriti irrequieti, fin dall'inizio del '500. Si narra infatti che tra le stanze dell'edificio, il celebre pittore Luzzo si incontrasse molto spesso con altri artisti, come Giorgione, Tiziano e Sansovino. La storia di Luzzo fu delle più tragiche, a tema amoroso: si innamorò infatto di un amore non corrisposto di Cecilia, una delle amanti proprio del Giorgione. Per i suoi continui rifiuti, si tolse la vita.

Potrebbe interessarti anche: Ca' Dario, la casa maledetta di Venezia

20082342625_8ee6401ec7_b-2

(foto di Địa điểm Du Lịch)

Ciò che ha contribuito ad alimentare questo mito un po' macabro, è sicuramente la posizione del Casino degli Spiriti, così com'è isolato, situato in una posizione in cui il vento ed i rumori della risacca sono molto simili a quelli di un ululato. E in aggiunta alcune luci ondeggianti e ad intermittenza, che molti veneziani assicurano di aver visto in prossimità del palazzo. Si tratterà di verità o semplice leggenda?

ViviVenezia

Tante idee per vivere Venezia al meglio: segui il nostro blog per rimanere aggiornato sulle novità più interessanti su locali e ristoranti, attività all'aria aperta, shopping, eventi e sport. Per sfruttare al meglio il tuo tempo libero e... scoprire i piccoli tesori vicino a casa. Vuoi diventare protagonista del blog? Inviaci la tua segnalazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento