Arredamento vintage: come decorare casa in stile rétro

Qualche consiglio su un design d'interni caratterizzato dal gusto per l'antico

Arredamento vintage per una casa in stile rétro

Arredare casa vuol dire esprimere la propria personalità. C'è chi ha gusti classici, chi sceglie di optare per uno stile moderno e chi ha una passione per tutto ciò che riguarda il passato. Per tutti gli appartenenti a quest'ultima categoria, ecco qualche consiglio su come arredare casa in stile vintage e dare a ogni stanza un look rétro in grado di riportarvi con un solo sguardo indietro nel tempo. 

CURA DEI DETTAGLI Una delle prime cose da tenere presente per un arredamento vintage è la cura dei dettagli che non va ad ogni modo trascurata. La prima cosa da fare è capire quale tipologia di stile vintage si vuole ricreare nella propria abitazione in quanto gli anni venti, cinquanta e settanta si contraddistinguono per caratteristiche diverse. Una casa vintage deve quindi avere i suoi anni di riferimento senza mischiare gli stili per non creare confusione. Oltre a scegliere gli arredi e i complementi va fatta attenzione ai colori e i tessuti giusti. Gli amanti degli anni ‘20 non possono rinunciare ad alcuni elementi tipici dell’Art decò come complementi d’arredo in ferro battuto. Chi preferisce lo stile anni '50 non potrà rinunciare a stampe con pin-up, mentre chi predilige i rivoluzionari anni ’70 difficilmente resisterà a stampe optical e allo stile psichedelico.

Come arredare casa in stile Shabby Chic

I COLORI DELLO STILE VINTAGE Per arredare la propria casa in stile vintage i colori sono molto importanti. Per prima cosa bisogna scegliere la tinta giusta per le pareti che sarà il punto di partenza per la scelta successiva degli arredi che dovranno adeguarsi a tali tonalità senza risultare fuori luogo. Per dipingere le pareti secondo questo stile si hanno tre diverse scelte: 

  • palette con colori neutri, il bianco e il nero sono le tinte preferite negli anni venti accostati a colori più delicati;
  • palette con colori tenui, si basa su tonalità pastello che vanno dal rosa, al verdino, all’azzurro, tipico dello stile anni cinquanta;
  • palette con colori vivaci, è caratterizzata da arancione, fucsia, color block o carta da parati optical che da sempre caratterizzano gli anni settanta.

I COMPLEMENTI D'ARREDO Dopo aver deciso i colori bisogna pensare agli arredi. Per un perfetto stile vintage l'ideale sarebbe di procurarsi vecchi mobili nei mercatini dell'usato o sui siti che mettono in vendita oggetti di una volta Basta rimanere in linea con lo stile scelto e usare un tocco di creatività con il riciclo di pezzi d'antiquariato a cui si può ridare una nuova vita. Si può ad esempio utilizzare un vecchio annaffiatoio come vaso di fiori, uno sgabello come piccolo tavolino, vecchi stampi da budino possono diventare dei paralumi per lampade sospese. Anche una vecchia valigia può essere in un attimo trasformata in un contenitore per vinili o accessori per l'abbigliamento. 

ARREDI TIPICI PER OGNI EPOCA

  • Arredamento vintage anni ’20 Se amiamo i ruggenti anni ’20 non possiamo rinunciare ad un ambiente in cui lo sfarzo e il lusso si accompagnano alla funzionalità e alla praticità degli arredi. Prendendo spunto dall’art decò e dal Bauhaus, il legno, l’acciaio e il vetro vengono affiancati da materiali come l’alluminio e il poliestere. Cucina, camera da letto o salotto non potranno fare a meno di sedie, tavoli e letti in ferro battuto caratterizzati da uno stile semplice e lineare arricchito da intagli e forme geometriche.
  • Arredamento vintage anni '50 L’arredamento anni ’50 è quello che ha avuto maggior successo nel corso degli anni e che non è passato mai di moda quindi per una casa in pieno stile vintage non avete che l’imbarazzo della scelta. Forme curve e bombate, caratterizzate dall’essenzialità sono i tratti distintivi degli arredi e degli elettrodomestici che hanno spopolato nel corso degli anni cinquanta. Il segreto è abbinare legno e metallo. I mobili per eccellenza sono quelli che hanno inserti in metallo o in plastica perfetti per far risaltare colori caldi e sobri. Frigoriferi e tostapane bombati, dalle linee armoniose non possono fare a meno di divani e poltrone in pelle abbinati a lampadari e scaffali in metallo per ricreare il perfetto stile industriale.
  • Arredamento vintage anni ’70 Per ricreare lo stile anni ’70 è impossibile rinunciare alla tappezzeria e alla carta da parati, veri e propri elementi d’arredo. Quelle a strisce riescono a ricreare un effetto ottico in grado di ingrandire o rimpicciolire gli spazi. C’è la carta da parati che si rifà allo stile hippy caratterizzata da fiori. Accanto a queste non possiamo dimenticare le carte da parati geometriche con forme astratte e colori che danno un senso di movimento. Per entrare in sintonia con gli anni ’70 non c’è niente di meglio che girare per casa a piedi scalzi, per farlo in totale comodità i tappeti sono indispensabili. Grandi e accoglienti i modelli con blocchi di colore e forme geometriche sono un must. Per l’arredamento i mobili lucidi con toni scuri o accesi, devono essere realizzati con un mix di materiali come il vetro e il legno. Non si può, inoltre, fare a meno di oggetti iconici come il divano in velluto, puff accoglienti e bubble chair, sedute sospese sferiche perfette sia per arredare gli interni che il giardino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Termosifoni: quali scegliere per una casa a prova di freddo

  • Come progettare e realizzare una cabina armadio

  • Casa piccola? 10 idee per un albero di natale salvaspazio

  • Inquinamento domestico: consigli e rimedi per vivere in un ambiente sano

  • Come va di moda l'albero di Natale 2020?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento