Sicurezza

Come pulire il ventilatore con metodi fai da te

Le tecniche e il materiale necessario per una pulizia profonda della polvere depositata sulle eliche del ventilatore di casa

Con il caldo di questi giorni che sta sfiorando perfino i 40° in alcune zone d'Italia, l'uso del ventilatore è, senza dubbio, imprescindibile. Fondamentale per dare sollievo dal caldo, far prendere una boccata d'aria e rinfrescarsi senza creare un'atmosfera gelida come con l'aria condizionata, il ventilatore, diventa lo strumento fondamentale con cui passare le giornate. Ma come si pulisce un ventilatore pieno di polvere? Dedicarsi a una pulizia costante di questo oggetto anti-caldo è fondamentale per la salute perché si possono accumulare batteri e sporco che poi vengono diffusi nell'aria e respirati da chi si trova nella stanza diventando un pericolo per tutti, soprattutto gli allergici. Ecco allora qualche consiglio per pulire al meglio il proprio condizionatore. 

Come combattere il caldo senza aria condizionata 

Come pulire il ventilatore

Per pulire il ventilatore con rimedi naturali, devi per prima cosa pensare alla tua sicurezza: scollega quindi il ventilatore dalla corrente, così da evitare brutti incidenti. 

Poi procedi a smontare le varie parti. I ventilatori tradizionali sono solitamente dotati di due griglie, una anteriore e una posteriore, fissate tra loro da una o due viti, che si dovrebbero trovare nella parte alta e nella parte bassa del ventilatore (ma potresti trovarne anche 4 laterali). Utilizza quindi un cacciavite per svitare le viti della griglia metallica, poi stacca delicatamente l’elica del ventilatore, così che sarà più semplice da lavare, e procedi con la sua pulizia. 

Passa prima un panno in microfibra o uno spolverino cattura-polvere per eliminare lo sporco e la polvere superficiali, poi utilizza un panno inumidito con acqua e aceto bianco per pulire la griglia, l'elica, i pulsanti, e tutte le altre parti del ventilatore, ma evita i cavi e la spina. Inoltre, fai attenzione che il panno sia solo leggermente inumidito e non bagnato, poiché c’è il rischio che rilasci eccessiva acqua sul ventilatore, rovinandolo.

Dopo aver pulito l’intero ventilatore, passa un panno pulito per asciugare e concludi rimontando il tutto.

Puoi sostituire l’aceto con del sapone di Marsiglia o con succo di limone e bicarbonato, e se vuoi eliminare l’odore forte dell’aceto puoi usare degli oli essenziali, come quelli di eucalipto o di lavanda.

Per quanto riguarda i ventilatori da soffitto, la procedura di pulizia è leggermente diversa. Stacca sempre la corrente elettrica prima di pulire il ventilatore, poi utilizza uno spolverino in microfibra con prolunga telescopica, che renderà più facile eliminare polvere e sporco superficiali. In caso di sporco ostinato, utilizza un panno umido per pulirlo e uno pulito per asciugarlo. 

Questo metodo semplice non richiederà più di pochi minuti e ci assicurerà aria fresca e pulita per tutta l’estate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come pulire il ventilatore con metodi fai da te

VeneziaToday è in caricamento