Manutenzione della caldaia: i costi e a chi rivolgersi

Le informazioni necessarie per assicurarsi una corretta funzionalità della caldaia in vista dell'accensione dei termosifoni

Manutenzione della caldaia

Prima di mettere in funzione i termosifoni bisogna assicurarsi del corretto funzionamento della caldaia con una manutenzione ordinaria da parte di un tecnico specializzato. Ecco allora una guida su come muoversi in questo settore, i costi dell'operazione e a chi conviene rivolgersi.

Revisione caldaia, chi la fa?

La manutenzione della caldaia va svolta periodicamente da un esperto che dovrà assicurarsi che l'apparecchio sia in buono stato. Trattandosi di un impianto a combustibile, anche solo piccoli malfunzionamenti potrebbero essere pericolosi per la nostra salute. Tale procedura si basa sul controllo del funzionamento e quello dei fumi, per individuare eventuali sostanze inquinanti per l'ambiente. Questi interventi sono oblligatori per legge e vanno eseguiti per non incorrere in multe che possono arrivare fino a 3000 euro. Ci si può rivolgere alla ditta installatrice della caldaia oppure a persone esterne.

Il controllo e ogni quanto deve essere fatto

Il controllo del corretto funzionamento della caldaia prevede:

  • la pulizia del bruciatore e dello scambiatore;
  • il controllo dei filtri;
  • il controllo della ventilazione nell’ambiente in cui è installata.
  • Il controllo dei fumi, invece, analizza le emissioni nell’ambiente entro un limite imposto dalla legge. In base alla presenza dei fumi, si può capire come è stato bruciato il combustibile all’interno della caldaia e quindi capire se funziona correttamente o meno.

La periodicità delle verifiche dipende dal modello e dall’età della caldaia:

  • non alimentata a gas ogni anno;
  • a gas installata da più di 8 anni ogni 2 anni;
  • a gas installata da meno di 8 anni, con camera stagna di tipo C ogni 4 anni;
  • camera stagna di tipo B o munite di generatore di calore ad acqua calda, con focolare aperto e installate all’interno di locali abitati ogni 2 anni.

Quanto costa il controllo

Il controllo semplice, con l'aggiornamento del libretto dell'impianto e la redazione del rapporto di controllo, si aggira intorno ai 70-80 euro. Se si deve effettuare anche la verifica delle emissioni il costo arriva a circa 100-120 euro. La spesa varia in base alla regione di riferimento. In alcuni casi le ditte che installano la caldaia offrono un contratto biennale in cui includono anche la manutenzione ordinaria e straordinaria. Lo stesso succede con le ditte fornitrice di gas, alcune nel contratto includono l’assistenza e la manutenzione della caldaia in bolletta.

I documenti necessari

Una volta terminato il controllo, il tecnico deve rilasciare un rapporto in cui dichiara di aver controllato la caldaia e i fumi e che l'apparecchio funziona correttamente. Il rapporto deve essere sottoscritto dal tecnico e dal cliente e allegato al libretto. Quest’ultimo è obbligatorio per tutti gli impianti con potenza superiore ai 10 kw. Il modello unico contiene al suo interno delle schede in cu sono indicate le caratteristiche tecniche dell'impianto, la tipologia e il responsabile dello stesso. Il modello formato da schede è pensato per aggiornarlo costantemente, dopo la prima revisione a seguito dell’installazione, verranno aggiunte le successive e tutti gli eventuali interventi sulla caldaia. Una volta aggiornato, il tecnico deve trasmettere il rapporto di efficienza energetica all'ente locale preposto per l'aggiornamento del catasto degli impianti dove sono conservate online tutte le informazioni relative al libretto e ai controlli.

Chi deve eseguire la manutenzione

Il controllo della caldaia deve essere eseguito dal proprietario dell’immobile o dall’inquilino affittuario. Il responsabile deve essere indicato nel libretto e può incorrere in multe se non esegue la manutenzione. Il costo dell'ordinaria manutenzione e del controllo dei fumi spetta all’inquilino. Se invece la manutenzione è straordinaria oppure l'intervento prevede la sostituzione della caldaia, la spesa è a carico del proprietario dell’immobile. Nel caso di caldaia centralizzata all’interno di condomini, il compito della revisione spetta all’amministratore.

Prodotti online per la caldaia

Caldaia a gas camera aperta

Caldaia murale a condensazione

Copricaldaia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Copriscaldino universale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Idrostufa: il metodo innovativo per scaldare casa, vantaggi e caratteristiche

  • Come pulire i termosifoni dentro e fuori, le tecniche che non sai

  • Cuscini ingialliti: 4 trucchi per smacchiarli e disinfettarli

  • Come pulire e prendersi cura del parquet

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento