menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestrati e dati in beneficenza circa 10mila euro in moscardini

Novanta cassette di prodotti ittici, in totale quasi una tonnellata di merce, priva di etichette e documenti. Ecco l'esito del raid dei carabinieri a Chioggia

Blitz dei carabinieri al mercato ittico all'ingrosso di Chioggia: nella notte tra domenica e lunedì i militari, accompagnati da un veterinario dell'Asl, hanno fatto scattare un controllo di polizia marittima per scoprire ed eliminare pescato sprovvisto di etichettatura e documenti fiscali per la tracciabilità di filiera.

Gli uomini della motovedetta di Chioggia hanno proceduto alle verifiche di uno dei box assegnati alle ditte che, quotidianamente, rivendono i propri prodotti al mercato e, in breve, sono state scoperte delle gravi irregolarità: quasi 90 cassette di polistirolo si presentavano prive di qualsiasi tipo di etichetta o documento di sbarco e di trasporto; al loro interno vi erano circa una tonnellata di cefalopodi della specie “Eledone Moschata”, più comunemente conosciuti come moscardini. Il titolare del box è stato sanzionato con 1.500 euro di multa e tutto il prodotto ittico, del valore complessivo al dettaglio di circa 10mila euro, è stato sequestrato e quindi donato ad un ente benefico dopo che i controlli veterinari ne hanno accertato la commestibilità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento