menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto twitter

Foto twitter

È il più antico del mondo, il ghetto di Venezia compie 500 anni

Tante iniziative per celebrare la ricorrenza tra cui mostre, restauri e un concerto alla Fenice. Il programma è stato presentato dalla comunità ebraica giovedì

È il più antico quartiere ebraico del mondo, tanto che la parola "ghetto" è nata proprio qui a Venezia. Ora si appresta a compiere mezzo millennio di vita, e lo farà con un ricco calendario di eventi che prevede mostre, interventi di restauro e un concerto al teatro la Fenice in programma il 29 marzo 2016: data in cui, 500 anni prima, venne costituito il ghetto veneziano sotto il dogado di Leonardo Loredan.

Il decreto del doge stabiliva che "li giudei debbano tutti abitar unidi in la corte de case che sono in ghetto appresso san Girolamo": una sorta di recinto i cui cancelli che venivano chiusi di notte affinché gli abitanti "non vadino tutta la notte attorno". Il nome del luogo deriva probabilmente dal fatto che nei secoli precedenti vi era stata una fonderia, che in veneziano veniva chiamata "getto". Il programma messo a punto dal comitato per i 500 anni del ghetto di Venezia è stato presentato giovedì nella sinagoga Canton della comunità ebraica.

Tre i progetti principali, cui si affiancherà un calendario di iniziative portate avanti autonomamente da soggetti diversi: il primo è la mostra "Venezia, gli ebrei e l'Europa", che si terrà a Palazzo Ducale tra giugno e novembre del prossimo anno. L'obiettivo è mettere in luce la ricchezza dei rapporti tra ebrei, città e società civile nei diversi periodi della lunga storia della permanenza degli israeliti in laguna, attraverso le relazioni culturali, linguistiche, artistiche e commerciali intessute dalla minoranza ebraica con la popolazione cristiana e con le altre comunità di stranieri presenti a Venezia.

Poi un intervento di restauro, ampliamento e rinnovamento del museo ebraico e delle sinagoghe, finanziato grazie alla raccolta fondi lanciata a novembre 2014 da "Venetian Heritage". La campagna, tra le attività dei comitati privati internazionali per la salvaguardia di Venezia (Unesco), punta a raccogliere oltre 8 milioni di euro. Saranno completamente riorganizzati i percorsi di visita, che includeranno anche l'accesso alla antica sinagoga italiana, e verrà aggiunta una nuova ala al museo, con l'aumento dei fondi in esposizione. Infine la cerimonia inaugurale del 500° anniversario del ghetto veneziano, affidata ad un concerto e ad una serata di gala nel teatro La Fenice il 29 marzo 2016.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento