Cronaca San Michele al Tagliamento

Bibione: non 150 ma 600mila i metri cubi di spiaggia erosi

È il dato comunicato dal genio civile agli uffici della giunta regionale. Intanto preoccupa la piena del fiume Tagliamento, il sindaco: «Da tempo chiediamo opere di contenimento»

La piena del fiume Tagliamento

La notizia allarmante arriva dal Genio civile che ha già inviato tutto agli uffici della giunta regionale: sono 600mila i metri cubi di spiaggia divorati dalla mareggiata del 12 novembre scorso che ha invaso la spiaggia di Bibione. Ieri, lunedì 18 novembre, nell’ultima spiaggia del litorale veneziano sono arrivato il presidente della regione Luca Zaia e l’assessore all’ambiente Giampaolo Bottacin per prendere visione della situazione più che mai critica dopo una settimana di maltempo che ha messo a dura prova il territorio sanmichelino.

Preoccupa la piena del Tagliamento

«Stiamo raccogliendo foto, video e documentazione per avere elementi chiari e ottenere i risarcimenti come ci è stato richiesto dalla Regione», ha spiegato il sindaco Pasqualino Codognotto. Nel frattempo il primo cittadino continua a monitorare il capoluogo e le frazioni assieme al coordinatore dei volontari della protezione civile Antonio Miorin ed il responsabile William Cremasco. A preoccupare da una settimana è la piena del fiume Tagliamento che interessa i territori confinanti San Michele e Latisana. «Servono le opere di contenimento nel medio corso del fiume che "taglino" l’onda di piena in modo da diminuirne la portata. - ha sottolineato Codognotto - Confidiamo nel responsabile della protezione civile Borelli e nelle autorità regionali del Veneto e Friuli Venezia Giulia che possano mettere in atto quella progettualità necessaria per la sicurezza idraulica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bibione: non 150 ma 600mila i metri cubi di spiaggia erosi

VeneziaToday è in caricamento