menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Boghos Levon Zekiyan, sacerdote veneziano nominato arcivescovo

La notizia è stata diffusa dal Patriarcato di Venezia, il sacerdote di rito armeno è nato a Istanbul e ha frequentato il seminario di San Lazzaro

Mercoledì mattina dal Palazzo Patriarcale di Venezia è arrivato l’annuncio che Papa Francesco ha nominato arcivescovo il sacerdote veneziano di rito armeno Boghos Levon Zekiyan. La dicitura corretta è “Amministratore apostolico dell’Arcieparchia di Istanbul degli Armeni con dignità arcivescovile e col titolo della Eparchia di Amida degli Armeni” A diffondere la notizia è stato il vicario generale del Patriarcato don Angelo Pagan.

Boghos Levon Zekiyan è nato a Istanbul nel 1943; dopo aver frequentato dal 1955 il Seminario mechitarista di San Lazzaro a Venezia, fino al 2011 è stato docente di lingua e letteratura armena all'Università Ca’Foscari di Venezia, è attualmente docente di teologia e spiritualità della Chiesa armena al Pontificio Istituto Orientale di Roma nonché Consultore della commissione speciale di studi sull’Oriente Cristiano presso la Congregazione per le Chiese orientali. È autore di numerosi articoli scientifici, principalmente sul mondo armeno, e di varie monografie redatte in più lingue. A Venezia è assistente spirituale degli Armeni; è, inoltre, membro del Comitato scientifico della Fondazione Oasis.

Il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia si è rivolto al neoarcivescovo con queste parole: “Carissimo padre Boghos Levon Zekiyan, Eccellenza Reverendissima, essendo in questo importante giorno trattenuto a Roma per i lavori della Conferenza Episcopale Italiana, desidero subito e tramite questo scritto, in attesa di poterla incontrare nuovamente di persona nei prossimi giorni, rendermi a Lei presente per esprimerle la gioia e le felicitazioni, mie personali e della Chiesa che è in Venezia, per la nomina appena ricevuta. Nella sua stessa persona, oltreché nel ministero e negli studi, Lei ben riflette la Chiesa che respira coi due polmoni dell’Oriente e dell’Occidente. Le assicuro cordiale vicinanza e soprattutto il decisivo sostegno della preghiera nel momento in cui si appresta ad iniziare il nuovo delicato servizio”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento