Abbandonano 70 chili di rifiuti edili: denunciati dipendenti e titolare di un'impresa di pittura

Sono stati sorpresi dalla polizia locale di San Donà di Piave. Il proprietario del terreno ha anche querelato il principale della ditta per "ingresso abusivo in fondo altrui"

Due pittori, un italiano ed un macedone, sono stati sorpresi dalla polizia locale di San Donà mentre scaricavano in aperta campagna 9 sacchi di plastica neri pieni di rifiuti edili. Abbandonati a terra, contenevano in tutto 70 chili tra polistirolo, plastica da imballaggio e metallo. I due operai sono stati denunciati dagli agenti della Municipale, alla pari del titolare della ditta di imbianchini della provincia di Treviso.

Tre denunce

Una volta scoperti, i due dipendenti non hanno potuto negare l'evidenza e hanno quindi ammesso che quelli contenuti nei sacchi fossero scarti di lavorazione di un cappotto termico installato poco prima su un edificio nelle vicinanze. Alla denuncia per violazione del testo unico dell'ambiente (il titolare non era neppure iscritto all'albo dei gestori ambientali) si è aggiunta la querela del titolare del terreno privato per "ingresso abusivo in fondo altrui".

«Purtroppo sono crescenti gli episodi di abbandoni di rifiuti che osserviamo e ci vengono segnalati dai cittadini; - dichiara il sindaco di San Donà di Piave Andrea Cereser - Quest’anno abbiamo già accertato il 50% in più delle violazioni per errati conferimenti ed abbandoni rispetto all’anno precedente. Stiamo cercando di porre un freno a questo grave problema attraverso investimenti sulle telecamere ambientali a disposizione della polizia locale e all’intensificazione dei controlli da parte degli Ispettori ambientali di Veritas».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento