Fotografie assieme agli abusivi in maschera, turisti costretti a pagare

In piazza San Marco, con le festività pasquali, si moltiplicano le richieste insistenti di denaro ai visitatori. Preoccupazione dei commercianti

Foto con le maschere, offerta (non) libera: è quanto sta accadendo in questi giorni di festività nelle aree di Venezia più frequentate dai turisti, San Marco in primis. Come riporta il Gazzettino, oltre alla moltitudine di abusivi intenti nella vendita di bastoni per selfie, dardi luminosi e borse, c'è chi si è fatto ancora più furbo e, travestito con i costumi tipici veneziani, avvicina i turisti proponendo di scattare una foto insieme.

Solo che, dopo essersi fatti immortalare al fianco degli ignari visitatori, le maschere chiedono con una certa insistenza una "offerta" di due euro: che, nelle giornate di magra, salirebbe anche fino a dieci. E talvolta capita che questi abusivi si mettano a rincorrere i loro "clienti", che se ne stanno andando senza aver pagato per il servizio semplicemente perché non avevano capito di doverlo fare.

D'altra parte, in questi tempi di forte concorrenza, ognuno cerca di ingegnarsi come può: qualche tempo fa avevano addirittura fatto capolino degli ammaestratori di colombi, che chiedevano soldi per far scattare la foto con i volatili. Non sono scenari nuovi, in una delle città più visitate al mondo: i commercianti regolari, però, avrebbero spiegato le loro preoccupazioni per una recente ondata di nuovi venditori abusivi, sbarcati in laguna verso metà marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Schianto in moto, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento