S. Erasmo, vigili del fuoco e protezione civile firmano protocollo per gestire le emergenze

Accordo siglato lo scorso 26 aprile. Ai pompieri andranno in dotazione, tra le altre cose, autorimessa, cavana per ormeggio di due imbarcazioni e automezzo 4x4 antincendio

Un protocollo operativo per migliorare i tempi e le modalità di intervento del Soccorso tecnico urgente nell'isola di Sant'Erasmo. È quello siglato lo scorso 26 aprile dal comandante provinciale dei vigili del fuoco, Loris Munaro, e il dirigente della protezione civile comunale, Valerio Collini. Con tale protocollo verranno gestite le evenienze legate ad incendi di sterpaglie, arbusti o abitazioni, ad eccezionali eventi meteorologici ed in generale agli avvenimenti a carattere incidentale e non prevedibile, che rientrano nell’ambito della protezione civile.

A supporto della loro operatività, i vigili del fuoco potranno contare sul  presidio operativo della protezione civile nell’isola, sita in località Capannone, costituito da un fabbricato in concessione dall’ex magistrato alle acque, dotato di autorimessa, ufficio con telefono e fax, servizi igienici e cavana coperta per l’ormeggio di due imbarcazioni. Inoltre è a disposizione delle squadre dei vigili del fuoco un automezzo 4x4 allestito con dotazioni antincendio, sempre messo a disposizione dalla protezione civile comunale, che consentirà agli stessi, una volta giunti via mare a S. Erasmo in caso di evento calamitoso o di incendio, di muoversi agevolmente nella problematica viabilità dell’isola.

La sigla di questo protocollo costituisce un passo importante ai fini dell’incremento della sicurezza dell’isola lagunare. Va ricordato che, accanto allo stesso presidio operativo della protezione civile, è posizionata anche un'ambulanza del Suem 118 dell'Asl 12 Veneziana, che consente un analogo efficace interscambio terra-mare in caso di emergenza medica, a beneficio della popolazione dell'isola di S. Erasmo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata senza vita Bruna Basso, era scomparsa da mercoledì

  • Marea record, Venezia completamente sott'acqua

  • Il disastro dell'acqua alta: incendi e barche affondate, rive e edifici danneggiati

  • Diciotto chili di marijuana nell'officina, «titolare» in manette

  • Madre e figlio trovati morti a Venezia: sospetta intossicazione da monossido

  • Come "l'acqua granda" del 1966. Due morti a Pellestrina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento