rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

"L'acqua alta record? Una tragedia che sta colpendo tutti i veneziani"

Il presidente del Veneto Zaia non usa mezzi termini per descrivere la situazione con cui deve convivere la città: "Esprimo apprezzamento per il comportamento del sindaco Orsoni"

Una tragedia. Non usa mezzi termini il presidente del Veneto Luca Zaia dopo l'acqua alta record che ha colpito Venezia l'11 novembre e il giorno di Ognissanti. "Quando vedo uno che nuota in piazza San Marco vuol dire che gli esercizi commerciali, le attività, sono sotto e gli anziani non possono muoversi di casa", ha dichiarato, per poi esprimere apprezzamento per il comportamento "istituzionale" del sindaco della città lagunare Giorgio Orsoni.

“La tutela idrogeologica del territorio deve essere una priorità nazionale e per dare le risposte che occorrono bisogna che il governo dia poteri speciali ai governatori - ha aggiunto Zaia tracciando il quadro del maltempo che ha investito il territorio regionale nei giorni scorsi.


“Questi interventi – ha aggiunto il presidente del Veneto – contribuirebbero a rilanciare l’economia, perché comunque si tratta di opere pubbliche, e metterebbero in sicurezza i nostri territori, i cittadini, i loro beni e le attività produttive. E’ indispensabile intervenire rapidamente su questo fronte, che significa meno cemento è più bacini di espansione e arginature, e dobbiamo farlo utilizzando i Governatori, conferendo loro poteri speciali come si è fatto per i debiti della sanità in qualche regione”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'acqua alta record? Una tragedia che sta colpendo tutti i veneziani"

VeneziaToday è in caricamento