menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'acqua alta

L'acqua alta

Venezia finisce di nuovo sott'acqua, Brugnaro: «Per il Mose servono protocolli più rapidi»

Le previsioni di ieri parlavano di un picco di 125 centimetri, ma le condizioni meteo sono peggiorate: toccati i 138 centimetri. Anche Chioggia allagata. Da mercoledì mattina fino a venerdì marea sostenuta: nella notte attivazione del Mose

Il picco massimo si è raggiunto alle 16.25 con 138 centimetri a Punta della Salute. Otto dicembre 2020: Venezia finisce di nuovo sott'acqua. Una nuova acqua alta che mette ancora più in ginocchio le attività del centro storico, che già hanno dovuto fare i conti con l'«acqua granda» dell'anno scorso e con le conseguenze dell'emergenza sanitaria in corso. Il Mose, a differenza dei giorni precedenti, non è stato attivato. Le previsioni, infatti, inizialmente avevano lasciato intendere che la marea avrebbe raggiunto i 125 centimetri ma le condizioni meteo sono peggiorate rapidamente nelle ultime ore, per cui non c'è stato il tempo di sollevare le paratoie. Anche Chioggia si è completamente allagata: il tempo di preavviso non è stato sufficiente per proteggere le due città. Il provveditore Cinzia Zincone ha spiegato: «Perché oggi il Mose non è stato azionato? Siamo in una fase sperimentale, nella quale si alza quando c'è una previsione di 130 centimetri: l'allerta viene data 48 ore prima, per permettere non solo di emettere le ordinanze per la navigazione ma anche per convocare le squadre operative».

Il sindaco: «Necessari protocolli più rapidi»

«C’è stato un aumento della marea a causa di fattori contingenti. Il vento dalla Croazia è cresciuto molto, non era previsto - commenta il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro -. Per attivare il Mose ci vuole più tempo. Probabilmente va rivista la cabina di regia, dobbiamo essere più reattivi se le previsioni peggiorano e servono protocolli più rapidi. Siamo tutti operativi e seguiamo l'evolversi della situazione. Stiamo lavorando per attivare il Mose stanotte in previsione del picco di domani». Secondo le previsioni per le prossime ore, a causa dell'insistenza del vento la marea defluirà molto lentamente. Il prossimo massimo, tra i 125 e i 130 centimetri, è previsto per le 7 di mercoledì 9 dicembre. A quel punto, però, il Mose dovrebbe essere attivo. Il sindaco ha anche evidenziato il costante coordinamento «con il commissario, il provveditore, la capitaneria di porto e il prefetto: ma è un discorso di organizzazione, dobbiamo accorciare la catena di comando». Domani, mercoledì, bisognerà pensare anche alle navi: «Andranno abbassate le barriere a Malamocco per farle entrare e uscire», ha detto Brugnaro.

Attività commerciali in ginocchio

«Siamo molto sconcertati. La chiusura del Mose nei giorni scorsi aveva dato un minimo di certezze a chi ha attività in centro storico, ma oggi è stata una doccia fredda - dice Cristina Giussani, presidente Confesercenti Metropolitana Venezia Rovigo -. Sappiamo bene che le chiusure sono ancora in fase sperimentale e che la chiusura è prevista con una marea di 130 centimetri, ma allora ci si domanda se davvero nel 2020, e dopo quello che è successo lo scorso anno, sia possibile sbagliare la previsione di 20 centimetri abbondanti». Lo stesso si chiede Alex Bazzaro, consigliere comunale e deputato (Lega Nord): «Oggi a Venezia non è stato alzato il Mose nonostante i 138 cm di alta marea. Motivazione: nessun ok da Roma tramite la nuova Autorità per la Laguna creata ad agosto e che nessuno di noi voleva - dice -. Il nostro diniego non mai stato è un semplice capriccio ma una previsione».

Reazioni

Per il sottosegretario all'Economia e consigliere comunale di Venezia, Pier Paolo Baretta, «è sbagliato decidere di alzare il Mose a quota 130 centimetri. Bisogna scendere sotto questa soglia, occuparsi dei marginamenti e della gestione portuale con soluzioni alternative (gronda o aperture parziali), individuare anche soluzioni che permettano di azionarlo in tempi più stretti». Il consigliere comunale Gianfranco Bettin ha evidenziato che «il Mose non è la macchina migliore per fronteggiare repentini mutamenti del meteo, per l’elefantiaca modalità di azione, perché comunque non protegge le parti basse della città, perché se si chiude poco o per niente non difende Venezia, e se invece si chiude troppo colpisce l’equilibrio dell’ecosistema». Il senatore e coordinatore veneto di Fratelli d'Italia, Luca De Carlo, ha attaccato: «Davvero non si poteva alzare il Mose ed evitare di umiliare ancora una volta la più bella città del mondo? Basta centralismo arrogante e prepotente, la gestione del Mose passi subito a Venezia». Il consigliere Giovanni Andrea Martini ha parlato di «una brutta presa in giro per tutta la città. Si è deciso di far “andar sotto” i negozi, le attività, i piani terra». (Sotto: video da Chioggia).

Schermata 2020-12-08 alle 21.53.24-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento