menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di sinistra di Mirko Manzin, a destra l'intonaco che ha colpito la guardia giurata

Foto di sinistra di Mirko Manzin, a destra l'intonaco che ha colpito la guardia giurata

"Davide" si fa sentire: acqua alta e vento, guardia giurata colpita da calcinacci

Sabato sera picco di marea a 121 centimetri. Nei prossimi giorni livelli comunque elevati. In prrovincia alberi sradicati e mareggiate sulle coste. L'operatore raggiunto a un piede

Il maltempo continua a farsi sentire su Venezia e provincia. Le forti raffiche di vento di sabato, infatti, non solo hanno causato diversi disagi in terraferma tra alberi a terra, rami spezzati e cartelli stradali sradicati. Interventi dei vigili del fuoco si sono registrati a macchia di leopardo in tutte le zone della provincia, da Mestre, Venezia a tutto il litorale. Le spiagge sulla costa sono tornate a subire mareggiate, ma solo nei prossimi giorni si avrà un quadro più chiaro della situazione. Una guardia giurata che stava raggiungendo il proprio posto di lavoro a Venezia, sabato pomeriggio è stata colpita in pieno a gamba e piede da alcuni calcinacci che si sono staccati da un muro di calle Bembo: "Una bella botta - racconta - per fortuna a parte il dolore sono riuscito ad andare avanti". 

MAREGGIATE SULLE COSTE SABATO - IL VIDEO

Il ciclone "Davide" si è fatto sentire sabato sera: lo scirocco ha alzato la marea causando verso le 23 un picco al mareografo di Punta della Salute di 121 centimetri sullo zero mareografico, in coincidenza con una marea astronomica di 59 centimetri. Nella prima serata il Centro maree del Comune aveva allertato i residenti per una possibile acqua alta da 125 centimetri, cambiando in corsa quanto dichiarato nella mattinata, quando si parlava di 115 centimetri.

Al Lido diga sud la marea ha raggiunto un livello massimo di 126 centimetri, a Chioggia di 122 centimetri. Ostacolata nel deflusso dal mare mosso e da un leggero vento di scirocco, la marea a Venezia è rimasta sopra i 118 centimetri per oltre due ore, dalle 21.10 alle 23.30. Alle 18.30, visto il peggioramento delle condizioni meteo, sono state azionate le sirene di allertamento, con il segnale sonoro di terzo livello; alle 19.30 è stato inviato un nuovo sms agli oltre 60mila iscritti al servizio, confermando la previsione di 125 centimetri. "Il ritardo tra le sirene e l’sms è stato dovuto a una interruzione dei servizi di trasmissione, che ha bloccato anche la segreteria telefonica, ma che è stata risolta nell’arco di un’ora", si legge in una nota del Comune. 

LE PREVISIONI PER I PROSSIMI GIORNI. Per domenica sera alle 21.50 punta massima di 115 centimetri. Dopodiché lunedì alle 22.20 si arriverà a 105 centimetri e l'8 marzo alle 22.50 a 100 centimetri, quando a Palazzo Ducale poco prima è previsto il vertice Italia-Francia. 

6 Marzo 
ore 15:25 minimo 15 cm
ore 21:50 massimo 115 cm

7 Marzo 
ore 03:45 minimo 35 cm
ore 09:35 massimo 90 cm
ore 15:55 minimo 15 cm
ore 22:20 massimo 105 cm

8 Marzo 
ore 04:20 minimo 20 cm
ore 10:10 massimo 90 cm
ore 16:25 minimo 10 cm
ore 22:50 massimo 100 cm

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento