rotate-mobile
Cronaca

Actv, col "siluro rosso" si percorrono meno chilometri: ora la Regione taglia i contributi

Sono a rischio tagli per 1,3 milioni di chilometri annuali, pari a circa 2,5 milioni di euro. Obiettivo riempire le corse del tram. Seno: "Bisogna aprire le corsie preferenziali"

Si parla delle nuove linee e delle riorganizzazioni delle corse, ma ora Actv è a rischio tagli. Come riportano i quotidiani locali, a lanciare l'allarme è stato il direttore generale di Avm, Giovanni Seno, che ha specificato come la Regione potrebbe di fatto tagliare 2,5 milioni di euro per il trasporto pubblico, pari a 1,28 milioni di chilometri percorsi. Una cifra che corrisponde a quelli "macinati" dal tram.

Il direttore generale ha spiegato che l'azienda sta attraversando un periodo difficile, tra rate del mutuo per il "siluro rosso"  e costi di utilizzo dello stesso. Un tentativo è stato fatto rendendo extra-urbani alcuni tratti percorsi dagli autobus notoriamente urbani, ma la mossa non si sta rilevando sufficiente. E proprio in virtù di una situazione in cui la cassa piange, è difficile, se non impossibile, ritornare alla vecchia organizzazione del trasporto pubblico nell'hinterland veneziano. I passeggeri che quotidianamente fruiscono dei mezzi pubblici, anche a seguito della riorganizzazione, sono rimasti invariati: sono circa 180mila al giorno, 60 nei bus extra-urbani per Mestre, 120, invece, che sfruttano i mezzi all'interno dei percorsi urbani.

Problema tagli. Nel 2010, infatti, il servizio di autobus urbano di Mestre percepiva dalla Regione un contributo pari a 30,6 milioni di euro, a fronte di 15,8 milioni di chilometri percorsi. Da quando è entrato in servizio il tram, i chilometri riconosciuti sono 11,5 milioni, e di conseguenza, nei finanziamenti regionali, c'è stato un decurtamento importante di 8,3 milioni di euro. Altro aspetto importante è il tram, che ha un prezzo: se il bus costa 3,5 euro a chilometro, infatti, il tram ne costa 10,5. Il "siluro rosso" percorre 1,3 milioni di chilometri l'anno, per un costo di 8 milioni di euro (a cui si aggiungono i 6,3 milioni annui di spese strutturali e i 455mila euro mensili di mutuo da saldare): se gli stessi chilometri fossero percorsi dagli autobus, il costo sarebbe di 2 milioni di euro. L'abisso è evidente. L'unico modo per riuscire a rientrare, almeno parzialmente, è quello di rendere più veloci i tram, "istituendo le corsie preferenziali", come sottolineato da Seno. Un'idea sulla quale l'assessore alla Viabilità Renato Boraso ha comunque posto il veto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Actv, col "siluro rosso" si percorrono meno chilometri: ora la Regione taglia i contributi

VeneziaToday è in caricamento