Disagi familiari, i servizi sociali si affidano al sacchetto del pane

All'iniziativa hanno già aderito tredici panifici del centro storico: saranno distribuite 15mila buste con stampate informazioni sull'affido dei bambini

Il messaggio è affidato al pane, che più di ogni altro cibo ricorda la quotidianità e la famiglia: si chiama "A Venezia la solidarietà è buona e calda come il pane" il nuovo progetto dei servizi sociali della Municipalità di Venezia Murano Burano, presentato mercoledì con una conferenza stampa. Il progetto è semplice: stampare sul sacchetto del pane, che ogni famiglia compra quotidianamente dal fornaio di fiducia, le informazioni su come fare per saperne di più sull'affido familiare.

Sono tredici, al momento, i panifici di Venezia, nelle zone di Castello e Cannaregio, che hanno aderito all'iniziativa. Sul sacchetto il consumatore troverà stampate tutte le informazioni per coloro che vorrebbero aiutare, anche temporaneamente, altre famiglie in difficoltà, con tanto di volantino con le date degli incontri di approfondimento che operatori specializzati terranno nella sede del servizio sociale, in campo Santa Maria Formosa (29 aprile, 6 e 13 maggio).

Gli organizzatori contano, grazie alla distribuzione di 15 mila sacchetti stampigliati, sull'adesione concreta da parte di famiglie o single che vorranno mettere a disposizione del tempo libero per accudire bambini con disagi familiari. "Questa - ha ricordato il presidente della Municipalità - è una iniziativa concreta per aiutare famiglie e bambini in difficoltà e per dare una mano ai nostri servizi sociali in un settore, quello degli affidi familiari, che è più frequente di quanto si immagini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono infatti stati 21, nel 2014 – ha ricordato la delegata ai Servizi Sociali – i bambini della Municipalità in affido familiare, e 20 quelli ospitati in strutture protette residenziali. Ma ci sono poche famiglie, nel centro storico di Venezia, che prendono in considerazione questa forma di solidarietà, tanto che siamo costretti a mandare i nostri bambini in terraferma o addirittura nei comuni limitrofi. Con questa iniziativa cerchiamo di sensibilizzare le famiglie a queste tematiche, facendo capire loro che l'affido può essere temporaneo, a ore, durante i fine settimana, nei pomeriggi, durante le vacanze". La grafica stampata sui sacchetti del pane è di Ilaria Faccioli; per tutte le informazioni è possibile contattare i numeri 041 2747425 oppure 041 5420384 o scrivere una mail a: serviziosociale.ve@comune.venezia.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento