Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti del 24 marzo sera

I dati riportati nell'ultimo bollettino regionale sulla diffusione del coronavirus. Positivi in Veneto oltre quota 6mila. Frena l'aumento di nuovi casi

Negli ospedali veneziani, stando ai dati riportati nel bollettino regionale Covid-19 di martedì 24 marzo sera, si registrano nelle ultime ore quattro decessi. Un uomo di 54 anni, Franco Catozzo, di Stra, ha perso la vita all'Angelo di Mestre; un altro, Angelo Santinato, settantenne di Chioggia, era ricoverato al covid-hospital di Dolo. Due donne, di 85 e 66 anni, sono morte all'ospedale di Jesolo. Entrambe erano residenti a Portogruaro.

I ricoveri per coronavirus continuano ad aumentare, anche se in misura leggermente minore rispetto ai giorni scorsi. Al momento (la sera di martedì 24 marzo) 269 pazienti sono ricoverati negli ospedali veneziani. Di questi, 61 sono in terapia intensiva. All'Angelo di Mestre sono in cura 71 pazienti Covid, al Ss. Giovanni e Paolo di Venezia 22, a Mirano 14, a Dolo 84, a Chioggia 1, a Villa Salus 20, a Jesolo 57. Il totale delle persone risultate positive al tampone, in provincia di Venezia, è 840. In tutto il Veneto la cifra ha superato quota 6mila (6069). Le persone in isolamento domiciliare (positivi non ricoverati più loro contatti) sono 16.220, di cui 3753 nella nostra provincia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si rileva, come dicevamo, un inizio di rallentamento nel numero dei nuovi ricoveri (ma ovviamente continua a salire il numero complessivo). Resta il fatto che chi viene infettato dal virus, in special modo persone anziane e con patologie pregresse, è molto a rischio: il contagio può portare velocemente all'aggravarsi del quadro clinico del paziente, quindi alla necessità di terapia intensiva e, nel peggiore dei casi, alla morte. Le autorità sanitarie continuano a ribadire la necessità di non muoversi di casa, in modo da limitare il più possibile la trasmissione del virus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorpresi a fare sesso in strada, multa di 20mila euro

  • Centri autorizzati assistenza fiscale (Caaf) e Caf: indirizzi delle sedi a Venezia

  • "Reato di procurato allarme": presentato un esposto contro il presidente Luca Zaia

  • Picchia il compagno in palestra e lo minaccia di morte con un coltello, denunciata

  • Controlli più restrittivi su chi torna da fuori Europa: la nuova ordinanza regionale

  • Ratti e scarsa igiene: chiuso ristorante etnico di Dolo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento