Picchiò un autista Actv, confermata la condanna in Appello

Un cittadino di Spinea aveva aggredito il conducente sferrandogli un colpo alla nuca e mandandolo all'ospedale

E' stata confermata anche in appello la condanna per M.S., 46 anni, di Spinea, per la grave aggressione ai danni di un autista Actv avvenuta il 20 agosto 2013. In primo grado, il 20 settembre 2017, il giudice gli aveva comminato la pena sette mesi, più ottomila euro di risarcimento alla vittima. L’imputato aveva appellato la sentenza, ma martedì la seconda sezione penale della Corte d’Assise d’Appello di Venezia ha ribadito la condanna. E’ stata solo parzialmente riformata l’entità della pena: 5 mesi complessivi, con la sospensione condizionale. Confermato, invece, il risarcimento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'aggressione

M.M., oggi 55 anni, che è stato assistito dall’avvocato Andrea Piccoli e da Studio3A, quella sera stava guidando un autosnodato della linea 6 Spinea-Venezia partito alle 21.10 quando, giunto in via Paleocapa a Marghera, si era solo “permesso” di suonare il clacson per richiamare l'attenzione del proprietario di un Ducato che, mal parcheggiato in mezzo alla strada, impediva al pullman di passare. L'aggressore, M.S., che si trovava in un bar vicino, anziché scusarsi e spostare il veicolo aveva preso a pugni la portiera del bus e la cabina del conducente, offendendolo pesantemente e giurandogli di fargliela pagare. Aveva seguito la vittima alla fine del turno, aspettando che a Piazzale Roma cscendesse dal bus e si dirigesse verso la saletta degli autisti dietro la biglietteria, e qui, lungo il breve percorso a piedi, alle 22.45, gli aveva teso un agguato cogliendolo alle spalle e sferrandogli un violento pugno sulla nuca. Il malcapitato era caduto in avanti e solo la sua prontezza di riflessi nell'evitare altri colpi e l'intervento di un passante avevano scongiurato un pestaggio. Malconcio, era stato trasportato in ambulanza all’ospedale dell’Angelo dove gli avevano riscontrato un trauma cranico, cervicale e al braccio destro per una prognosi di diversi giorni

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento