menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Bulli non ci stanno a perdere la partita: "Hanno puntato il coltello contro dei dodicenni"

Sarebbe accaduto venerdì pomeriggio nel Miranese. "Ho soccorso i ragazzini, avevano lo sguardo impaurito", dichiara un testimone. Tutto sarebbe scaturito da una lite per futili motivi

"Li ho visti correre impauriti, si sbracciavano. Mi sono fermato con l'auto e mi hanno raccontato quello che era appena successo". In un paese del Miranese da venerdì pomeriggio non si parla d'altro, da quando alcuni dodicenni hanno spiegato ai rispettivi genitori di essere stati aggrediti da un gruppetto di giovanissimi poco più grandi di loro. Al culmine del litigio sarebbero scattate non solo minacce piuttosto pesanti, ma sarebbe spuntato anche un coltello.

"Avevano uno sguardo impaurito"

A quel punto i dodicenni verso le 16.30 di venerdì avrebbero fatto dietrofront allontanandosi di corsa da uno spiazzo verde dove sono soliti giocare a calcio e trascorrere i pomeriggi: "Avevano uno sguardo molto impaurito - continua il testimone - ho detto loro di tornare subito a casa e di avvertire i carabinieri di quello che era accaduto. Tutti e 4 hanno ribadito di aver visto la lama". In poche ore la vicenda è rimbalzata sui gruppi e nelle chat del paese, preoccupando non poco i genitori di coloro che frequentano la stessa scuola degli aggrediti.

Lite per futili motivi

Quest'ultimi avrebbero spiegato che tutto sarebbe scaturito da un diverbio per futili motivi, forse proprio per una partitella di calcio. Un dodicenne e un componente della squadra avversaria si beccano, dopodiché arrivano i rinforzi. Partono gli spintoni e all'improvviso spunta la lama. Su chi siano gli aggressori non c'è ancora certezza: c'è chi pensa che potrebbero essere dei compagni di scuola più grandi dei dodicenni e chi invece è sicuro che si tratti di ragazzini provenienti da fuori paese. Nelle prossime ore della vicenda con ogni probabilità saranno informati anche i carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento