menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Faida tra sinti, 63enne bloccato e picchiato nel mezzo della strada

Un furgone gli ha tagliato la via, un'auto gli ha bloccato la fuga. L'uomo poi è stato trascinato fuori dalla sua automobile assieme a sua moglie

Una faida tra clan di etnia sinta e ancora una volta la discussione finisce a bastonate. E' accaduto di nuovo. Con modalità molto simili a quelle con cui una donna di etnia sinta venne fermata mentre si trovava nel mezzo del traffico in via Altinia a Favaro Veneto e venne presa a sprangate. Stavolta a essere messo nel mirino è stato un 63enne che abita a Fiesso d'Artico. Sinto. I suoi rivali hanno deciso di colpire in modo "rumoroso", senza nascondersi dietro a passamontagna o altro che potesse travisare il loro volto. A un certo punto, infatti, mentre il malcapitato stava percorrendo una delle strada principali del paese, il commando è entrato in azione.

IL PRECEDENTE: PRESA A COLPI DI SPRANGA A FAVARO

LA DINAMICA - L'uomo si trovava a bordo della sua Mercedes con al suo fianco la moglie. Alle 9.15 a un certo punto il veicolo è stato bloccato da un furgone che con una manovra azzardata ha superato l'obiettivo per poi pararglisi davanti. Costretto a inchiodare, il 63enne poi è stato "chiuso" dall'arrivo di un'altra auto da dietro. Non poteva più andare avanti e nemmeno indietro. Subito un commando di cinque o sei persone è sceso armato di bastoni e hanno trascinato fuori dall'abitacolo i due occupanti. Dopodiché gli aggressori hanno sfogato la propria rabbia contro i finestrini e il parabrezza della Mercedes, finiti in frantumi. La loro attenzione si è concentrata anche sull'uomo, raggiunto pure lui da alcuni colpi proibiti. Poi, come era arrivata la squadra se n'è pure andata.

VIOLENZA IN VIA ALTINIA: IL VIDEO DELL'AGGRESSIONE

IN OSPEDALE - Una aggressione fulminea, che ha lasciato la coppia disperata sul posto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, che sulle prime avevano ricevuto dai passanti la segnalazione di un possibile incidente stradale conclusosi poi con una lite violenta tra i protagonisti del sinistro. All'inizio, quindi, sembrava potesse esserci in giro un pirata della strada. Non era così. In giro c'era un commando che ha scelto chissà per quale motivo tempi e modi per colpire. Il 63enne è stato portato all'ospedale per essere medicato. Le sue condizioni non sarebbero gravi. Avrebbe comunque riconosciuto alcuni degli aggressori, o avrebbe indicato come alla base del pestaggio delle possibili situazioni di tensione con un clan di etnia sinta rivale con "base" in Lombardia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento