menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In arrivo soldi da Roma per il post tornado? "Nella Legge di Stabilità"

Il Governo avrebbe inserito un emendamento che prevede un miliardo e mezzo di euro per chi ha subito danni da calamità nell'ultimo anno

L'atmosfera al Cinema Italia di Dolo si è dimostrata fin da subito tesa. Perché da quel maledetto 8 luglio in cui 223 famiglie hanno visto la loro vita cambiare radicalmente si sono visti ben pochi soldi raggiungere la Riviera del Brenta per la ricostruzione del post-tornado. Sono stati soprattutto quelli derivanti dalla solidarietà e dal grande cuore dei cittadini, che si sono subito rimboccati le maniche per cercare di ritornare a una normalità fino a questo momento preclusa finché non arriveranno ingenti aiuti anche dallo Stato, oltre che dalle altre istituzioni territoriali.

Ma proprio giovedì sera, durante l'assemblea, è arrivata una novità che potrebbe se non altro lenire le difficoltà che si trovano ad affrontare oggi le comunità di Dolo, Mira e Cazzago di Pianiga: ad annunciarlo alla platea è stato lo stesso sindaco di Dolo, Alberto Polo. Il Governo, infatti, avrebbe inserito all'interno della Legge di Stabilità un emendamento con cui si costituirebbe un fondo di un miliardo e mezzo di euro per per tutte le persone (e imprese) che hanno subito danni da calamità nell'ultimo anno o anno e mezzo. Ancora tutto è in divenire, visto che a Roma si è in una fase cruciale della stesura della legge. Fatto sta che qualcosa (finalmente direbbero in tanti) sembrerebbe muoversi.

Dopodiché si vedrà quanti soldi effettivamente arriveranno nelle tasche dei cittadini della Riviera: "Finalmente Roma ci ha confermato la nostra ipotesi di lavoro - ha dichiarato ai microfoni di Antenna3 l'assessore al Bilancio del Comune di Dolo, Giorgia Maschera - da tempo siamo in stretto contatto con esponenti del Governo. Ora si apre una speranza concreta di ottenere aiuti per i nostri cittadini". Le polemiche, e pure qualche frase "forte", non sono mancate durante l'assemblea di giovedì sera. Ma era preventivabile: il tempo passa e l'impressione, ribadita sia da imprenditori che da privati cittadini, era che l'aattenzione oramai si fosse focalizzata su altro.

Ora la novita che nei prossimi giorni potrebbe diventare ufficiale: "Il nostro territorio ha avuto ventinove abitazioni completamente rase al suolo - ha sottolineato l'assessore Maschera - E' comprensibile la preoccupazione delle famiglie, perché qui c'è la necessità di ricostruire subito". Fino a questo momento a funzionare, infatti, è stata soprattutto la solidarietà: il Comune di Dolo tramite il proprio conto corrente solidale ha per esempio raccolto 400mila euro che dovrebbero essere distribuiti alle famiglie colpite dal tornado a partire dal prossimo mese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento