rotate-mobile
Cronaca

Tromba d'aria, chiesto lo stato di eccezionalità: ecco le zone "aiutate"

Le domande per la richiesta degli indennizzi potranno essere presentate dalle imprese agricole interessate all’Avepa entro 45 giorni dalla pubblicazione del decreto ministeriale di declaratoria

La Giunta regionale, su iniziativa dell’assessore Franco Manzato, ha chiesto al ministero delle Politiche agricole di dichiarare l’esistenza di eccezionalità per la violenta tromba d’aria che il 12 giugno scorso ha attraversato Venezia, Cavallino ed Eraclea, danneggiando pesantemente strutture aziendali e scorte.

In proposito la Giunta ha delimitato le zone territoriali per le quali possono trovare applicazione, a favore delle aziende agricole e organismi associativi danneggiati, gli interventi per i danni alle strutture aziendali e alle scorte. Le località interessate sono: Sant'Erasmo nel Comune di Venezia; Comune di Cavallino – Treporti, località: tra via Saccagnana e Canale San Felice; Comune di Eraclea, località: Via Tre Cai, Via Giovanni Pascoli, Torre di Fine località Vallesina.


“Il provvedimento – ha spiegato Manzato – attiva le procedure previste per le avversità atmosferiche in agricoltura. Le domande per la richiesta degli indennizzi potranno essere presentate dalle imprese agricole interessate all’AVEPA - Sportello Unico Agricolo di Venezia - entro 45 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale di declaratoria.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tromba d'aria, chiesto lo stato di eccezionalità: ecco le zone "aiutate"

VeneziaToday è in caricamento