menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anche quest'anno Pasqua e Pasquetta senza alcolici: "linea dura" del sindaco di Jesolo

La Giunta ha approvato l'ordinanza che vieta il consumo di alcol fuori dai locali della città per tutto il weekend. Vale dalle 22 di sabato 26 marzo fino alle 24 di lunedì 28 marzo

Stop alle feste alcoliche, almeno quelle all'aperto: è la decisione del Comune di Jesolo, che replica così un'ordinanza analoga approvata lo scorso anno nello stesso periodo. Niente alcol fuori dai locali nel weekend di Pasqua, insomma: la Giunta ha approvato l’ordinanza del sindaco in cui si impone che nella zona del Lido di Jesolo, arenile compreso, sia vietata la vendita per asporto di bevande alcoliche di qualunque gradazione, anche da distributori automatici, dalle 22 di sabato 26 marzo e fino alle 24 di lunedì 28 marzo.

Ad essere consentita sarà solamente la vendita per asporto per uso domestico, in questo caso i contenitori dovranno essere chiusi e sigillati in appositi involucri. Sempre nello stesso periodo vige inoltre il divieto, arenile compreso, di detenere in qualunque contenitore e consumare bevande alcoliche di qualunque gradazione in luogo pubblico, con esclusione del consumo effettuato all’interno dei pubblici esercizi autorizzati.

«In seguito agli ottimi risultati dello scorso anno abbiamo deciso di intervenire in maniera preventiva con questa ordinanza non solo a tutela degli ospiti che affolleranno Jesolo nei giorni delle festività pasquali ma anche a garanzia degli stessi locali del Lido per dare un chiaro segnale alle annunciate feste alcoliche giovanili promosse sui social network – spiega il sindaco Valerio Zoggia, che ha firmato l’ordinanza – Benvenuti sono i giovani per Pasqua ma non con la sola intenzione di venire in città per ubriacarsi e quindi creare problemi di ordine pubblico nonché di convivenza con gli altri ospiti che vogliono trascorrere qualche ora in serenità con familiari e amici».

La violazione dell’ordinanza comporterà una sanzione di circa 200 euro. Impegnati nel far rispettare l’ordinanza saranno gli agenti della polizia locale che, lo scorso anno, denunciarono solo due persone per il mancato rispetto dell’ordinanza. Sotto la lente di controllo saranno soprattutto piazza Mazzini e il lungomare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento