Allarme al Marco Polo: sale sul serbatoio di carburante poi si lascia cadere

Intervento di forze dell'ordine e pompieri venerdì mattina. Le motivazioni dell'accaduto sono ancora al vaglio. L'uomo è stato trasportato in ospedale alle prese con diversi traumi

E' salito su un serbatoio di carburante poi, nonostante i tentativi di dissuaderlo delle forze dell'ordine, si è lasciato cadere. Allarme venerdì mattina all'aeroporto Marco Polo di Venezia: un uomo ungherese di 43 anni, per cause ancora al vaglio, all'improvviso ha raggiunto un'area interdetta ai non addetti ai lavori per poi minacciare gesti inconsulti. Sul posto si sono portati vigili del fuoco e sanitari del 118, oltre che gli operatori di sicurezza.

Trasferimento in ospedale

A quanto pare l'uomo, che a giudicare dalle immagini si trovava a un'altezza di diversi metri, non sarebbe stato distolto dalle sue intenzioni. Si sarebbe lasciato cadere riportando fratture multiple: i medici l'hanno soccorso e stabilizzato, dopodiché l'hanno trasferito d'urgenza all'ospedale dell'Angelo di Mestre, dove ad attendere l'infortunato c'era il "trauma team", una squadra di medici pronta ad entrare in azione per gestire quadri sanitari del genere. Secondo quanto si apprende, l'uomo non sarebbe un pericolo di vita.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Coronavirus, attenzione al massimo in Veneto. Zaia: «Pronti a misure drastiche»

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • La due volte premio Oscar Emma Thompson da oggi è residente a Venezia

Torna su
VeneziaToday è in caricamento